Il saluto commosso di Carlo Conti al suo amico Fabrizio Frizzi (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 26 marzo 2018, alle ore 17:27

Il saluto commosso di Carlo Conti al suo amico Fabrizio Frizzi

Il conduttore è morto nella notte per una emorragia celebrale. La notizia della morte è stata data dalla moglie Carlotta Mantovan e dal fratello Fabio che lo hanno ringraziato per tutto l’amore donato.

La mattinata di oggi è iniziata in maniera diversa, é stata una doccia fredda per tutti. Il daytime di Rai1 di oggi è iniziato come un’edizione straordinaria di UnoMattina che dà notizia della morte del conduttore e prosegue il suo consueto orario. Questa sera in seconda serata, ci sarà Speciale Porta a Porta dedicato alla vita privata e alla carriera di Frizzi.

Il saluto commosso di Carlo Conti al suo amico Fabrizio Frizzi

Non andrà in onda Che Tempo Che Fa ed anche l’Eredità. Probabilmente la conduzione del programma sarà sospesa e riprenderà la conduzione di Carlo Conti.

Tanti i tweet per ricordarlo, per salutarlo, per ringraziarlo che arrivano sul web da parte di personaggi della Tv ed amici del conduttore ma anche da parte dei suoi fans.

Il direttore di Rai 2, Andrea Fabiano, ha scritto un post su Twitter:

Garbo, ironia, autoironia, scrupolosità, umiltà, semplicità, umanità, serenità, sensibilità, attaccamento alla vita Sono solo alcune delle cose che ci hai donato. Un abbraccio affettuoso a te e alla tua famiglia. Ciao ciao #FabrizioFrizzi

Il saluto commosso di Carlo Conti al suo amico Fabrizio Frizzi

La Rai stessa ha rilasciato una nota:

“Con Fabrizio se ne va un pezzo di noi, della nostra storia, del nostro quotidiano […] Se ne va l’uomo dei sorrisi e degli abbracci per tutti. L’interprete straordinario del coraggio e della voglia di vivere. E’ impossibile in questo momento esprimere tutto quello che la scomparsa di Fabrizio suscita in ognuno di noi. Così la Rai tutta, con la Presidente Monica Maggioni e il Direttore generale Mario Orfeo, può solo stringersi attorno a Carlotta e alla sua famiglia in questo momento di immenso dolore”.