Il piccolo Alfie Evans è morto: “Il mio piccolo gladiatore è volato via.” (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 28 aprile 2018, alle ore 10:27

Il piccolo Alfie Evans è morto: “Il mio piccolo gladiatore è volato via.”

Il piccolo Alfie Evans è morto. Era al centro di una battaglia di supporto vitale tra i suoi genitori, i funzionari della sanità e il sistema giudiziario britannico per diversi mesi, fino alla sua morte nelle prime ore del 28 aprile 2018. Il supporto vitale che gli permetteva di respirare è stato disattivato dopo che la sua famiglia ha perso la più recente battaglia di appelli legali.

Alfie è nato con una rara condizione degenerativa ed era in coma da più di un anno dopo essere stato colpito da una misteriosa malattia.

Il piccolo Alfie Evans è morto: “Il mio piccolo gladiatore è volato via.”

Durante le prime fasi della malattia, Alfie sembrava debole così dopo una serie di visite, i medici avevano sostenuto che Alfie fosse semplicemente pigro. Il piccolo è nato a Liverpool, i suoi genitori si chiamano Tom e Kate. Il bimbo viene portato d’urgenza all’Alder Hey Hospital dopo aver perso conoscenza, le sue condizioni peggiorano e finisce in coma.

I medici dichiararono che Alfie soffrisse di una malattia neurodegenerativa rara. Aveva avuto un’infezione al torace che gli stava causando convulsioni ed era stato sottoposto ai macchinari artificiali che gli permettevano di respirare e continuare a vivere.

Il piccolo Alfie Evans è morto: “Il mio piccolo gladiatore è volato via.”

Il 23 Aprile 2018, il suo supporto vitale è stato disattivato. È deceduto alle 2:30 del mattino del 28 aprile 2018, cinque giorni dopo. I genitori Tom Evans e Kate James hanno comunicato la notizia ai loro sostenitori dell’esercito di Alfie su Facebook, dicendo: “Il mio gladiatore ha posato lo scudo e ha spiccato il volo alle 2.30. Abbiamo il cuore spezzato. ”

I dottori credevano che fosse inumano tenere Alfie in vita. Cosa sappiamo della sua malattia?

Alfie, che è nato il 9 maggio 2016, era in uno “stato semi-vegetativo” e aveva una condizione neurologica degenerativa che