Il Collegio, il video a luci rosse di un ex allievo finisce online: “Ho sporto denuncia, lei è minorenne!” (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 6 dicembre 2019, alle ore 10:42

Il Collegio, il video a luci rosse di un ex allievo finisce online: “Ho sporto denuncia, lei è minorenne!”

Il Collegio quest’anno ha superato le più rosee aspettative a livello di ascolti. Il reality show ambientato in un istituto degli anni ’80 ha letteralmente conquistato il pubblico di Rai2 puntata dopo puntata. Non stupisce quindi che ci sia così tanto interesse sulle vite dei giovanissimi protagonisti, per quanto avviene dietro le quinte e i retroscena su ciò che va in onda. Grazie al successo dell’ultima stagione (la quarta) il pubblico ha iniziato a nutrire una fortissima curiosità anche nei confronti degli ex partecipanti.

Il Collegio, il video a luci rosse di un ex allievo finisce online: “Ho sporto denuncia, lei è minorenne!”

Un interesse che talvolta diventa davvero troppo invasivo e morboso, tanto da toccare argomenti che dovrebbero rimanere nella sfera intima dei giovanissimi protagonisti. In questo caso il gossip più becero ha coinvolto Luca Cobelli, uno degli studenti della terza edizione. Qualcuno ha pubblicato su internet dei video che lo ritrarrebbero in atteggiamenti intimi insieme a una ragazza minorenne. Le clip a luci rosse sono state poi condivise migliaia di volte attraverso whatsapp e altre applicazioni di messaggistica, rendendone quasi impossibile la cancellazione.

Il Collegio, il video a luci rosse di un ex allievo finisce online: “Ho sporto denuncia, lei è minorenne!”

Luca ha quindi voluto fare appello al buon senso di tutti, chiedendo che questa catena di condivisioni si fermi per tutelare la ragazza, ripresa contro la sua volontà: “Sta girando un video in cui faccio sess* con una ragazza. Questo video è stato girato da un ragazzo che noi non sapevamo stesse lì fuori a registrare e soprattutto lì fuori a vederci. La ragazza nel video non è Swami ovviamente ma è una ragazza minorenne, e ciò aggrava la cosa perché si parla di pedopornografia.” scrive il ragazzo.