Gli aerei senza finestrini potrebbero diventare realtà, daranno ai passeggeri una vista panoramica del cielo (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 30 ottobre 2018, alle ore 17:15

Gli aerei senza finestrini potrebbero diventare realtà, daranno ai passeggeri una vista panoramica del cielo

Finestrini virtuali. È questa l’ultima novità in arrivo dalla linea aerea Fly Emirates

Da quando è stato inventato il trasporto aereo, le persone hanno combattuto per avere il posto vicino al finestrino ma non sarà più così! Il Center for Process Innovation, una società britannica di tecnologia e ricerca, sta creando il futuro del trasporto aereo! Gli aerei del futuro saranno in realtà senza finestrini, invece, l’intera lunghezza dell’aereo sarà coperta dai touch screen OLED dando a tutti i passeggeri la possibilità di avere un finestrino virtuale!

Gli aerei senza finestrini potrebbero diventare realtà, daranno ai passeggeri una vista panoramica del cielo

Tra 10 e 15 anni questi aerei potrebbero diventare realtà! I touch screen devono saranno collegati a delle telecamere posizionate su tutto l’esterno dell’aereo in modo da poter visualizzare il panorama attraverso gli schermi. Sarà un ottimo passatempo mentre si è in volo, la tecnologia OLED-touch screen trasmette della luce organica, questo vuol dire che saranno in grado di proiettare la luce come reazione ad una corrente elettrica esattamente come funziona con i televisori, i tablet, i cellulari, i monitor del computer e così via.

Gli aerei senza finestrini potrebbero diventare realtà, daranno ai passeggeri una vista panoramica del cielo

In futuro, sicuramente ci sarà uno schermo più tecnologico sul mercato e darà così ancora più efficacia agli schermi dell’aereo. Tutte le pareti dell’aereo saranno fatte di schermi e i passeggeri potranno guardare fuori la vista senza doversi mai più preoccupare di avere il posto più vicino al finestrino.

Con pochi click i passeggeri potranno avere informazioni sul loro volo attuale, tra cui “quanto tempo ci mettiamo ?!” Dopotutto, non solo i bambini vogliono fare questa domanda più e più volte durante i lunghi viaggi.