Giornalista 30enne violentata e uccisa in un parco: indagava sui fondi europei (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 8 ottobre 2018, alle ore 10:55

Giornalista 30enne violentata e uccisa in un parco: indagava sui fondi europei

Una morte tragica, forse a causa del suo lavoro 

Viktoria Marinova è stata picchiata, violentata e alla fine soffocata. Il corpo è stato ritrovato alle 14.20 sulle rive del Danubio, secondo quanto riportato da Irpi, la donna è morta intorno alle 11.00 per soffocamento.

La giornalista bulgara che nel suo programma d’inchiesta “Detector” aveva parlato di un’indagine sulla presunta corruzione che ha coinvolto i fondi dell’Unione Europea, è stata assassinata nella città danese di Ruse.

Giornalista 30enne violentata e uccisa in un parco: indagava sui fondi europei

I pubblici ministeri del paese balcanico hanno dichiarato che il corpo della trentenne Viktoria Marinova è stato trovato in un parco a Ruse, sabato. L’hanno identificata solo con le sue iniziali. “Si tratta di stupro e omicidio“, ha dichiarato ai giornalisti il ​​ministro degli interni Mladen Marinov. Secondo quanto detto, non ci sono prove che l’omicidio sia collegato al lavoro della giornalista e non ci sono informazioni che lei fosse stata minacciata ma le indagini proseguono su questa strada.

Giornalista 30enne violentata e uccisa in un parco: indagava sui fondi europei

Il primo ministro bulgaro Boyko Borissov ha detto ai giornalisti: “Sono convinto che sia una questione di tempo prima che l’omicidio venga rivelato. Sono stati chiamati i migliori criminologi per capire cosa sia successo, è stata presa una grande quantità di DNA“.

La polizia dovrebbe rivelare ulteriori dettagli oggi: “La sua morte è stata causata da colpi alla testa e soffocamento. Il suo cellulare, le chiavi della macchina, gli occhiali e alcuni dei suoi vestiti sono scomparsi“, ha spiegato il procuratore regionale di Ruse, Georgy Georgiev.