Federico muore a 10 anni di peritonite. Donati gli organi. La famiglia: “Salverà altre vite” (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 27 dicembre 2018, alle ore 16:49

Federico muore a 10 anni di peritonite. Donati gli organi. La famiglia: “Salverà altre vite”

Rimini, Federico muore a 10 anni di peritonite. La famiglia: “Salverà altre vite”

Federico Fangarezzi è morto a 10 anni di peritonite, aveva la febbre altissima ed era stato ricoverato in ospedale ma di lì non è più uscito. Domenica sera è morto dopo 10 giorni di agonia, la famiglia ha deciso di donare i suoi organi.

Una terribile storia che ha sconvolto una famiglia di Rimini, Federico è morto il 23 dicembre all’ospedale Infermi dove era stato ricoverato il 13.

Federico muore a 10 anni di peritonite. Donati gli organi. La famiglia: “Salverà altre vite”

A stroncare la sua breve vita è stato un arresto cardiaco provocato probabilmente da una peritonite, Federico da giorni aveva la febbre molto alta e inizialmente si pensava che fosse causata da un virus intestinale che aveva colpito anche altri familiari ma le sue condizioni nel tempo sono peggiorate e nonostante l’impegno dei medici e dei sanitari dell’ospedale Infermi, il bambino è morto 10 giorni dopo il suo ricovero a causa delle lesioni al cervello dovute ad un arresto cardiaco provocato dalla peritonite.

Federico muore a 10 anni di peritonite. Donati gli organi. La famiglia: “Salverà altre vite”

Una tragedia immane ma nonostante questo la famiglia è riuscita a trovare la forza di compiere un gesto grandioso e davvero importante, quello di donare gli organi. Il papà, Matteo distrutto dal dolore, ha raccontato: “Abbiamo deciso così, perché almeno Federico potrà salvare altre vite“. L’Asl si è sentita in dovere di ringraziare la famiglia, Federico ha donato le cornee, il fegato e i reni. Il fegato è stato già trapiantato su un piccolo paziente di Modena, i reni sono finiti uno a Milano e l’altro rene a Treviso, destinati sempre a dei piccoli pazienti e le cornee sono state conferite alla Banca Regionale in attesa di cercare il donatore giusto.