Fabrizio Corona asfalta Cecchi Paone: “strumentalizza la sua omosessualità”. Asia Argento bacia un altro (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 15 novembre 2018, alle ore 10:09

Fabrizio Corona asfalta Cecchi Paone: “strumentalizza la sua omosessualità”. Asia Argento bacia un altro

Durante la terza puntata de “La Repubblica delle donne” di Piero Chiambretti dedicata ai “Belli e dannati”, ospite c’era Fabrizio Corona che ha paragonato in un Instagram Stories se stesso e l’Argento a Madonna e Sean Penn.

Fabrizio Corona e Alessandro Cecchi Paone

Durante la sua ospitata al programma, Fabrizio Corona non riesce a fare a meno di attaccare Alessandro Cecchi Paone in seguito alle discussioni tra il giornalista e la sua ex Silvia Provvedi all’interno della casa del Grande Fratello Vip: “L’amico di Luxuria. Cosa successe al “Maurizio Costanzo Show”? 

Fabrizio Corona asfalta Cecchi Paone: “strumentalizza la sua omosessualità”. Asia Argento bacia un altro

Si alzò e se ne andò perché dissi che lui aveva strumentalizzato la sua omosessualità per fare notizia, era a fine carriera e usò l’omosessualità per tornare in auge. Quello che fa la notte è completamente diverso da quello che fa di giorno, se di notte fai certe cose, di giorno non puoi fare la morale. Mi è dispiaciuto veder attaccare Silvia Provvedi al GFVip perché non c’entrava niente. Silvia è l’unica ragazza che non ha strumentalizzato la mia popolarità, non ha avuto niente.

Fabrizio Corona asfalta Cecchi Paone: “strumentalizza la sua omosessualità”. Asia Argento bacia un altro

E poi io sono un esempio per i giovani perché ogni volta che esco di galera mi ricostruisco, riapro uffici, do lavoro. Se non sono io un esempio per i giovani chi ca**o lo è?”. A quel punto, Chiambretti ci ride su e dice: “Io ho paura, sono abituato a trattare gli argomenti in modo leggero e so che lei ha spaccato un camper al GF. Allora mi sono portato il bodyguard: mia mamma”. Ed entra la vivace signora Felicita.

Fabrizio Corona sul carcere

L’ex paparazzo dei vip parla anche del carcere e sostiene che per riabilitare un detenuto bisogna farlo lavorare e non