Fa dei lavaggi nasali con l’acqua del rubinetto: uccisa da ameba mangia-cervello (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 12 dicembre 2018, alle ore 09:26

Fa dei lavaggi nasali con l’acqua del rubinetto: uccisa da ameba mangia-cervello

È morta un anno dopo aver contratto l’infezione causata dall’ameba mangiacervelli.

Una donna di Seattle, nello stato di Washington è deceduta a causa di una rara infezione l’ameba mangiacervelli, dopo averla contratta utilizzando l’acqua del rubinetto per fare il lavaggio nasale per liberare i seni nasali, al posto delle varie soluzioni fisiologiche richieste in questi casi. La notizia è stata riportata dall’International Journal of Infectious Diseases dove dicono che il cervello della donna era stato trovato da una parte come una “palla di poltiglia sanguinolenta” dopo il contagio dell’ameba mangiacervelli.

Fa dei lavaggi nasali con l’acqua del rubinetto: uccisa da ameba mangia-cervello

La donna, che non è stata identificata, è stata ricoverata al Centro medico svedese all’inizio di quest’anno dopo aver avuto un attacco fisiologico, secondo quanto riportato dal Seattle Times. Una TAC iniziale ha rivelato ciò che i medici ritenevano fosse un tumore.

Ma presto si resero conto che quello che c’era dentro il cranio della donna non era affatto un tumore: “Quando ho operato questa signora, una sezione del suo cervello delle dimensioni di una pallina da golf era insopportabile“, ha detto Charles Cobbs, neurochirurgo dello Swedish Medical Center, al Seattle Times.

Fa dei lavaggi nasali con l’acqua del rubinetto: uccisa da ameba mangia-cervello

C’erano queste amebe dappertutto che mangiavano solo cellule cerebrali.” “Non avevamo idea di cosa stesse succedendo“, ha aggiunto.

Il tessuto prelevato dal cervello della donna durante la procedura confermerebbe in seguito la presenza dell’ameba, in particolare del mandrillaris di Balamuthia che causa una rara ma potenzialmente mortale infezione del cervello nota come encefalite granulomatosa (GAE), secondo la pubblicazione scientifica. La donna, che aveva 69 anni, è morta circa un mese dopo che i medici hanno scoperto l’ameba nel suo cervello e circa un anno dopo che era stata inizialmente infettata.