Ecco dei passatempi del passato che sembrano completamente assurdi oggi (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 20 febbraio 2018, alle ore 10:36

Ecco dei passatempi del passato che sembrano completamente assurdi oggi

Se pensi che la vita di una persona prima dell’invenzione dei computer fosse noiosa, beh ti sbagli di grosso. Sia gli aristocratici che i contadini erano sempre pronti a divertirsi e le loro forme di intrattenimento non erano sempre così umane e sicure come le nostre. Tuttavia, anche oggi possiamo trovare persone che non si comportano in modo ragionevole mentre scelgono i loro modi di divertirsi.

In questo articolo vi riportiamo alcune attività divertenti delle generazioni precedenti. Molte di loro esistono ancora oggi in modo leggermente modificato mentre altre sono completamente scomparse. Vediamo di cosa si tratta.

Ecco dei passatempi del passato che sembrano completamente assurdi oggi

1. Giochi da tavolo

I primi giochi da tavolo furono inventati in tempi antichi. Ad esempio, un gioco da tavolo dell’antico Egitto chiamato Senet è uno dei giochi più antichi del mondo con un tabellone e pedine. I dettagli delle regole sono sconosciuti, ma, apparentemente, si trattava di un gioco per 2 persone, come gli scacchi moderni. Secondo le leggende, Senet fu inventato da Thoth, il dio della saggezza, che sfidò Khonsu, il dio della Luna, e vinse alcuni giorni in più per l’anno. Thoth lo ha fatto per Nut, la dea del cielo, che non poteva dare alla luce un bambino in nessun giorno dell’anno a causa della maledizione di Ra.

Ecco dei passatempi del passato che sembrano completamente assurdi oggi

2. Combattimenti dei gladiatori

Sappiamo tutti perfettamente di questi maledetti spettacoli pubblici. Ma pochi di noi sanno che hanno combattuto solo tra loro e animali selvaggi nell’arena – c’erano anche donne tra i gladiatori. Tuttavia, di solito erano visti come gladiatori di giochi (per lo più giocanti) che erano intrattenitori e non veri combattenti. I combattimenti mortali erano così popolari che tutti i tentativi di bandirli fallirono fino all’anno 404 quando un monaco cristiano proveniente dall’Est, Telemaco, tentò di fermare un combattimento tra gladiatori. Questa azione gli è costata la vita – è stato lapidato dalla folla arrabbiata. Il suo sacrificio non fu però sprecato – l’imperatore Onorio fu così impressionato dal martirio del monaco che bandì per sempre i giochi di gladiatori.