Ecco come i vegani stanno rovinando il mondo (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 19 febbraio 2018, alle ore 10:41

Ecco come i vegani stanno rovinando il mondo

Se trovi fastidiosi i vegani non sei solo. Anche Madre Natura non ha amore per loro e ci sono dei buoni motivi per spiegare perché. Le abitudini alimentari totalitarie non sono sostenibili per l’ambiente, l’economia e le popolazioni povere. In poche parole, la terra che è più adatta per il pascolo del bestiame richiederà più risorse per coltivare colture.

Uno studio condotto per osservare l’effetto del tipo di dieta e le sue conseguenze sull’ambiente, le risorse e la natura stessa ha avuto alcuni risultati interessanti. Il veganismo è stata valutata come la quinta dieta più sostenibile. I vegetariani da latte erano al primo posto mentre gli onnivori, dove l’intera popolazione seguiva quella dieta, si trovavano al terzo posto se limitavano il consumo di carne.

Ecco i modi in cui i vegani stanno lasciando una traccia negativa sull’ambiente:

Ecco come i vegani stanno rovinando il mondo

I vegani sostengono che produrre un solo hamburger brucia abbastanza carburante per una piccola auto per viaggiare fino a 30 chilometri, quindi inquinamento ambientale e uccisione del bestiame. Tuttavia, i ricercatori della Carnegie Mellon University affermano che questo non è vero. Le verdure a foglia verde hanno solitamente un conteggio molto più basso di calorie, la lattuga ha solo 15 per foglia, quindi per un vegano per bilanciare il loro apporto calorico dovrebbero consumare circa 2 capi di lattuga.

Le emissioni di carbonio da molte verdure per una popolazione enorme e le verdure marce hanno un impatto ambientale molto maggiore rispetto a coloro che mangiano la pancetta.

Ecco come i vegani stanno rovinando il mondo

Gli anacardi sono un alimento base nella dieta vegana perché vengono lavorati per produrre formaggio vegano. Gli anacardi sono anche estremamente sani e sono collegati all’abbassamento delle malattie cardiache. Tuttavia, la grande richiesta di anacardi ha un effetto molto inverso rispetto alle prospettive umanitarie.

Il Vietnam è il più grande esportatore di anacardi trasformati al mondo in cui i tossicodipendenti detenuti nei campi di lavoro sono costretti a lavorare per l’industria degli anacardi. L’India, il secondo più grande produttore di anacardi, ha persone che lavorano tutto il giorno nelle fabbriche al salario minimo ($ 2 al giorno). L’acido anacardico contenuto nei gusci ha causato danni permanenti alle mani a centinaia di lavoratori.