Ecco 7 lavori ben stipendiati che non pensavi esistessero davvero (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 28 aprile 2017, alle ore 15:05

Ecco 7 lavori ben stipendiati che non pensavi esistessero davvero

La crisi globale ha lasciato grandissimi strascichi dietro di sé, producendo un numero elevatissimo di disoccupati specialmente in Italia, un Paese le cui autorità politiche non hanno saputo far fronte adeguatamente alle problematiche del mercato del lavoro. Ma esistono mansioni molto ben pagate delle quali molti non conoscono neanche l’esistenza. Uno di questi lavori è l’assaggiatore di cibo per animali domestici. Certo vista così può sembrare piuttosto schifosa come cosa, ma vi assicuriamo che chi fa questo lavoro è ben felice: si parla di uno stipendio netto annuo di circa 40.000 dollari, solamente per fare da tester per il cibo di cani e gatti!

Ecco 7 lavori ben stipendiati che non pensavi esistessero davvero

Un altro impiego senz’altro non convenzionale è quello dell’abbracciatore professionale: un mestiere il cui riconoscimento ufficiale qui in Italia sembrerebbe essere incredibile, ma che in Giappone viene visto molto sul serio. Si tratta di “coccolatori professionisti” che danno un po’ d’affetto a chi ha una vita tristemente vuota ed è sull’orlo della depressione: tra lavoro e mancanza di una famiglia, questa figura professionale è spesso il più grande contatto umano nell’esistenza di queste persone.

Ecco 7 lavori ben stipendiati che non pensavi esistessero davvero

Non poteva mancare in questa lista dei lavori più strambi del mondo anche la damigella sotto copertura, una figura pagata per svolgere il lavoro di damigella quando le amiche si rifiutano, o semplicemente non si hanno candidate papabili. Ci sono delle vere e proprie agenzie come la Bridesmaid for Hire che offrono damigelle in affitto al costo variabile (da 300 a 2.000 dollari per la giornata). Un lavoro che permette dunque di guadagnarsi da vivere partecipando a grandi eventi di festa come le cerimonie nuziali.

Ecco 7 lavori ben stipendiati che non pensavi esistessero davvero