È ufficiale: la musica reggae diventa patrimonio dell’Unesco (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 29 novembre 2018, alle ore 17:40

È ufficiale: la musica reggae diventa patrimonio dell’Unesco

La musica reggae, i cui groove hanno trovato fama internazionale grazie ad artisti come Bob Marley, ha conquistato un posto nella lista dei tesoro culturali globali delle Nazioni Unite.

L’Unesco, l’agenzia culturale e scientifica dell’ente mondiale, ha aggiunto il genere originario della Giamaica alla sua collezione di “patrimonio culturale immateriale” ritenuto meritevole di protezione e promozione. “Il contributo della musica reggae al discorso internazionale su questioni di ingiustizia, resistenza, amore e umanità“, ha dichiarato l’Unesco.

È ufficiale: la musica reggae diventa patrimonio dell’Unesco

Mentre nel suo stato embrionale la musica reggae era la voce degli emarginati, la musica ora è suonata e abbracciata da un’ampia sezione trasversale della società, inclusi vari generi, gruppi etnici e religiosi“. Lo stile musicale si unì a una lista di tradizioni culturali che includevano l’equitazione della Scuola di Equitazione Spagnola a Vienna, un rituale mongolo per i cammelli e burattini cechi, e più di 300 altre pratiche tradizionali che spaziavano dalla costruzione di barche e pellegrinaggi alla cucina e alla danza.

È ufficiale: la musica reggae diventa patrimonio dell’Unesco

La Giamaica ha fatto domanda per l’inclusione del reggae sulla lista proprio quest’anno durante una riunione dell’agenzia delle Nazioni Unite sull’isola di Mauritius, dove erano in esame altre 40 proposte. Il reggae era in competizione per l’inclusione a fianco della scia delle Bahamas, della lotta sudcoreana, dell’hurling irlandese e della produzione di profumi nella città di Grasse, nel sud della Francia. Il reggae è emerso alla fine degli anni ’60 fuori dagli stili ska e rockstones della Giamaica, influenzando anche il jazz e il blues americano.