È morto Philip Roth, il tormentato romanziere che ha esplorato la lussuria, la vita ebraica e l’America (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 23 maggio 2018, alle ore 14:35

È morto Philip Roth, il tormentato romanziere che ha esplorato la lussuria, la vita ebraica e l’America

Philip Roth, un grande della letteratura del 900, è morto all’età di 85 anni. A darne la notizia è stato il New York Times, lo scrittore è morto in un ospedale di Manhattan per un’insufficienza cardiaca. Nel corso della una lunghissima carriera, Roth ha assunto molte sembianze, principalmente versioni di se stesso, nell’esplorazione di cosa significhi essere un americano, un ebreo, uno scrittore, un uomo.

Era un campione di romanzieri dell’Europa orientale come Ivan Klima e Bruno Schulz, e anche un appassionato studioso di storia americana e vernacolo americano.

È morto Philip Roth, il tormentato romanziere che ha esplorato la lussuria, la vita ebraica e l’America

E più di ogni altro scrittore del suo tempo, era instancabile nella sua esplorazione della sessualità maschile. Le sue creazioni includono Alexander Portnoy, un adolescente così libidinoso, e David Kepesh, un professore.

Eppure, a volte, quasi contro la sua volontà, è stato sempre attratto a scrivere sui temi dell’identità ebraica, dell’antisemitismo e dell’esperienza ebraica in America. Tornò spesso, specialmente nei suoi ultimi lavori, nel quartiere Weequahic di Newark, dove era cresciuto e che nei suoi scritti divenne

È morto Philip Roth, il tormentato romanziere che ha esplorato la lussuria, la vita ebraica e l’America

una specie di Eden scomparso: un luogo di orgoglio borghese, frugalità, diligenza e aspirazione.

È stato uno dei romanzieri più affermati nella seconda metà del Novecento, tra le sue opere ricordiamo Shylock (1993), Pastorale americana (1997) e Il complotto contro l’America (2004). Era nato nel New Jersey a Newark nel 1933, da una famiglia della piccola borghesia ebraica originaria della Galizia. Ha seguito varie lezioni di grandi scrittori della sua generazione precedente come Saul Bellow e Bernard Malamud.