Domenica Live, Barbara D’Urso e la risposta shock contro Corona: “Io uccido chi tocca mio figlio” (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 28 maggio 2018, alle ore 17:38

Domenica Live, Barbara D’Urso e la risposta shock contro Corona: “Io uccido chi tocca mio figlio”

Barbara D’Urso: “Io uccido chi tocca mio figlio”.

Ieri, 27 Maggio 2018, è andata in onda l’ultima puntata di Domenica Live di questa stagione. Durante la diretta è stata invitata per un’intervista Nina Moric, tra una parola e l’altra, la conduttrice si è svegliata contro Fabrizio Corona. Fabrizio Corona è stato invitato all’ultima puntata di Verissimo di Silvia Toffanin, durante l’intervista ha espresso alcune considerazioni personali riguardo il reality il Grande Fratello, dove è stata ospitata la sua ex moglie Nina Moric.

Domenica Live, Barbara D’Urso e la risposta shock contro Corona: “Io uccido chi tocca mio figlio”

Corona non ha risparmiato nessun attacco nei confronti della D’Urso ed ha affermato: ”Nina si è lasciata influenzare dal programma e da quell’altra” , affermando che la sua ospitata è stata organizzata a tavolino per aumentare gli ascolti.

Ieri pomeriggio, Nina Moric, durante durante l’intervista ha difeso la conduttrice napoletana ribadendo di non essere stata strumentalizzata ma Barbara d’Urso ha risposto: “Sei molto gentile e molto carina, non ho bisogno che tu mi giustifichi. Non ne voglio parlare, sono abituata alla cattiveria della gente.

Domenica Live, Barbara D’Urso e la risposta shock contro Corona: “Io uccido chi tocca mio figlio”

Io volo alto e mi faccio scivolare tutto addosso. Lo dico senza presunzione, ma di fronte a queste cose sorrido. Mi dispiace molto per te perché so quanto soffri. Non so perché i giudici abbiano deciso di allontanarti dal bambino, non voglio entrare in merito, non mi sono mai permessa neanche di nominarlo perché rispetto il tuo dolore. Io voglio stare al di fuori della storia tua, del padre di tuo figlio, di tuo figlio”. Poi la D’Urso ha continuato facendo una dichiarazione piuttosto pesante, ma detta per una giusta causa: