Consigliera leghista contro gli immigrati: “Sono bestie, datemi un fucile” (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 28 agosto 2018, alle ore 18:13

Consigliera leghista contro gli immigrati: “Sono bestie, datemi un fucile”

Ennesimo caso di razzismo, stavolta anche con tonalità violente, con protagonista un politico della Lega. La protagonista della triste vicenda che stiamo per raccontarvi è Monica Viani, genovese. La donna è stata eletta nel municipio centro-est della città, che è guidato dal presidente Andrea Carratù, a sua volta leghista. Che i politici del ‘Carroccio’ abbiano qualche problema con il razzismo è evidente: pochi giorni fa a Brescia era successo un episodio di razzismo nei confronti delle coppie gay.

Consigliera leghista contro gli immigrati: “Sono bestie, datemi un fucile”

Nel cartellone delle comunicazioni ufficiali del Sindaco di Prevalle era comparsa la scritta “È finita la pacchia! Tornano all’anagrafe mamma e papà!”, una evidente provocazione alle coppie non tradizionali. Scendendo pochi chilometri più a Sud, un attacco molto forte, in cui viene invocato perfino l’uso delle armi, è arrivato da parte di una consigliera leghista.

Consigliera leghista contro gli immigrati: “Sono bestie, datemi un fucile”

La già citata Monica Viani, infatti, ha scritto: “Li odio tutti, sono delle bestie, senza offese per gli animali che sono molto più civili e puliti. Dicono che sono razzista, però datemi un fucile e mi calmo”. Vanno fatte delle precisazioni, però. Non si tratta di una dichiarazione pubblica, o comunque non sono frasi dette a un giornale, né su un profilo social pubblico.