Cecilia Rodriguez nei guai con la giustizia: la Polizia irrompe nella sua camera d’albergo (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 11 giugno 2018, alle ore 12:15

Cecilia Rodriguez nei guai con la giustizia: la Polizia irrompe nella sua camera d’albergo

Cecilia Rodriguez è stata convocata dalla Polizia mentre si trovava in un hotel a Capri.

Una pattuglia in hotel nella camera di Cecilia Rodriguez che ha dovuto seguire gli agenti in caserma. La showgirl argentina è stata convocata dalla Polizia a Capri per il permesso di soggiorno scaduto e ha dovuto affrontare pacificamente alcuni agenti che la stavano aspettando per accompagnarla in commissariato per alcuni controlli.

La sorella di Belen, conosciuta dopo la sua partecipazione all’ultima edizione del Grande Fratello Vip, si trovava nell’isola

Cecilia Rodriguez nei guai con la giustizia: la Polizia irrompe nella sua camera d’albergo

di Capri con il suo fidanzato Ignazio Moser conosciuto proprio durante il reality. La loro relazione è stata molto chiacchierata perché la showgirl era fidanzata con l’ex tronista di Uomini e Donne Francesco Monte che ha lasciato in diretta per il ciclista Moser. Cecilia si è ritrovata in camera gli agenti della polizia che che la stavano aspettando per accompagnarla in commissariato per fare alcuni controlli sul suo permesso di soggiorno, così, senza opporre resistenza, si è recata in questura.

Cecilia Rodriguez nei guai con la giustizia: la Polizia irrompe nella sua camera d’albergo

Nei giorni scorsi, Alfonso Signorini aveva dichiarato che Cecilia Rodriguez avesse il permesso di soggiorno scaduto. Uno scherzo in una diretta web da Capri che ha fatto muovere la polizia per approfondire la notizia. Il direttore del settimanale “Chi”, ha raccontato del permesso di soggiorno scaduto e Cecilia lo ha anche confermato: “Tornerai in Argentina a raccogliere le banane”. Effettivamente, da alcuni mesi, il suo permesso di soggiorno è scaduto così la polizia di Capri ha invitato la Rodriguez a recarsi il prima possibile presso la Questura di Milano per regolarizzare