Cancro al seno: scoperti i geni che predicono il rischio di metastasi (2 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 6 marzo 2019, alle ore 12:06

Cancro al seno: scoperti i geni che predicono il rischio di metastasi

Questa firma molecolare è uno strumento per la stima dei parametri clinico-patologici più affidabili di rischio metastatico usato oggi nella pratica clinica per determinare la gravità della malattia, prevedere la prognosi e quindi scegliere il percorso e la terapia più appropriata per ogni paziente affetto da cancro al seno. 

“Il problema principale è che i parametri comuni clinicopatologici non sono sempre precisi nel predire il rischio concreto di metastasi”.

Cancro al seno: scoperti i geni che predicono il rischio di metastasi

“Non sono precise anche le caratteristiche dell’ intera massa tumorale come profilo ormonale o livello di proliferazione osservata al posto di una rara sottopopolazione di cellule staminali tumorali che si nascondono all’interno dei tumori”, ha spiegato Pece.

Uno dei prossimi passi sarà studiare nuovi farmaci, in grado di agire su uno o più geni che costituiscono la nostra firma molecolare. L’obiettivo, riferiscono, è attaccare le cellule staminali tumorali proprio nel loro potenziale di sviluppare metastasi, con la possibilità di nuove terapie molecolari per sradicare la malattia tumorale.

Cancro al seno: scoperti i geni che predicono il rischio di metastasi

È sempre più chiaro che le cellule staminali tumorali sono un anello vitale nella lotta contro il cancro al seno. I risultati della ricerca, che ha seguito duemila pazienti con cancro al seno per circa 15 anni nel loro trattamento , è supportato dall’associazione italiana per la ricerca sul cancro.

Il cancro è la seconda causa di morte nel mondo. Nel 2018, ci sono stati 18,1 milioni di nuovi casi di cancro nel mondo e 9,6 milioni sono morti a causa della malattia, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).