Bufera su Casalino, Maurizio Crozza: “Te lo do io il posto dove passare il Ferragosto. Rocco, vai a fare in c…” (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 3 ottobre 2018, alle ore 10:49

Bufera su Casalino, Maurizio Crozza: “Te lo do io il posto dove passare il Ferragosto. Rocco, vai a fare in c…”

Il portavoce del Presidente del Consiglio è finito al centro delle polemiche per degli audio finito sui giornali per quanto riguarda il crollo del ponte Morandi a Genova. Maurizio Crozza nella copertina di “Che fuori tempo che fa“, si è scagliato contro Casalino dicendo: “Te lo do io il posto dove passare le vacanze di ferragosto. Vai a fare in culo”.

Bufera su Casalino e il suo nuovo audio, poi le scuse

In un messaggio audio rivolto ai cronisti, Casalino ha detto: “Basta, non mi stressate la vita. Io ho pure diritto a farmi magari un paio di giorni, che già mi è saltato Ferragosto, Santo Stefano, San Rocco, Santo Cristo. Mi chiamate come pazzi“.

Bufera su Casalino, Maurizio Crozza: “Te lo do io il posto dove passare il Ferragosto. Rocco, vai a fare in c…”

L’audio è stato ascoltato da tutti e si è scatenata una vera e propria polemica intorno al portavoce di Palazzo Chigi. Molti politici si sono scagliati contro, tra questi Matteo Renzi che attraverso un tweet ha scritto: “Crolla il ponte di Genova e il portavoce del governo pensa al ponte di Ferragosto? Ma dove siamo finiti con questo Casalino? Gli è saltato Ferragosto, poverino #RoccoVergogna“.Ogni minuto che passa senza le dimissioni di Casalino è un’offesa per Genova e i genovesi. A casa, adesso!“.

Bufera su Casalino, Maurizio Crozza: “Te lo do io il posto dove passare il Ferragosto. Rocco, vai a fare in c…”

E’ il tweet del segretario del Pd Maurizio Martina riguardo al portavoce di Palazzo Chigi Rocco Casalino il cui audio, in cui si lamenta con i giornalisti che lo chiamavano subito dopo il crollo del ponte Morandi di Genova. Non si è fatto attendere il commento di Casalino: “Sta circolando un messaggio-audio che riproduce la mia voce. Una mia conversazione assolutamente privata avuta con due giornalisti.

La pubblicazione viola il principio costituzionale di tutela della riservatezza