Bimbo malato di 8 anni scrive all’azienda farmaceutica: “Abbassate il prezzo della mia medicina” (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 22 agosto 2018, alle ore 14:51

Bimbo malato di 8 anni scrive all’azienda farmaceutica: “Abbassate il prezzo della mia medicina”

Un bambino di otto anni, affetto da fibrosi cistica, ha spinto un’azienda farmaceutica (Vertex Pharmaceuticals) di abbassare il prezzo di un farmaco per lui importante, il lumacaftor/ivacaftor.

Luis Walker, di Horam, East Sussex, ha dichiarato a Vertex Pharmaceuticals che questo farmaco lo farebbe sentire molto meglio. L’Istituto nazionale per l’eccellenza in materia di salute e assistenza, ha affermato che effettivamente, il prezzo offerto da Vertex era insostenibile. Inoltre, Luis, ha anche chiesto che la terapia diventi disponibile attraverso il sistema sanitario inglese (NHS).

Bimbo malato di 8 anni scrive all’azienda farmaceutica: “Abbassate il prezzo della mia medicina”

In una lettera scritta a mano a Rebecca Hunt, vicepresidente di Vertex per gli affari societari, Luis ha scritto: “Avete la medicina che può farmi sentire molto meglio e potrebbe evitarmi di trascorrere così tanto tempo in ospedale, per favore commercializzatela nel mio Paese. Se vostro figlio avesse la fibrosi cistica, so che capireste e abbassereste il prezzo“.

La mamma di Luis, Christina, ha dichiarato: “Il messaggio di mio figlio è davvero semplice, preghiamo di abbassare il prezzo in modo che il

Bimbo malato di 8 anni scrive all’azienda farmaceutica: “Abbassate il prezzo della mia medicina”

sistema sanitario inglese possa permetterselo. I nostri figli meritano la possibilità di avere questo farmaco”.

Il farmaco Orkambi è stato approvato dall’Agenzia europea per i medicinali (Ema) nel novembre 2015 ma non è stato ancora raggiunto un accordo sui costi con il servizio sanitario nazionale inglese.

La signora Hunt ha affermato che Vertexcondivide la frustrazione” di Luis e delle migliaia di persone in Inghilterra che attendono l’accesso del farmaco e aggiunge: “Abbiamo speso molti giorni da quando il farmaco è stato approvato cercando di portarlo ai pazienti che ne