Barbara D’Urso svela il gesto di Fabrizio Corona prima di tornare in Carcere: “La sua reazione all’arrivo della polizia” (2 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 26 marzo 2019, alle ore 17:13

Barbara D’Urso svela il gesto di Fabrizio Corona prima di tornare in Carcere: “La sua reazione all’arrivo della polizia”

Secondo quanto riportato Fanpage, che ha raggiunto telefonicamente il legale di Corona, Ivano Chiesa, l’ex Re dei paparazzi non avrebbe opposto resistenza: “Sarebbe stato proprio uno dei suoi avvocati ad avvisarlo della sospensione, dicendogli di prepararsi a tornare in carcere. All’arrivo della polizia Corona non ha avuto alcuna reazione scomposta: ha preso la borsa che aveva già preparato e ha seguito i poliziotti.”

Barbara D’Urso svela il gesto di Fabrizio Corona prima di tornare in Carcere: “La sua reazione all’arrivo della polizia”

“Nei prossimi giorni il tribunale di Sorveglianza dovrà pronunciarsi sulla sospensione dell’affidamento terapeutico: nella peggiore delle ipotesi per Corona il regime potrebbe venire sospeso, nel qual caso Corona resterebbe dunque in carcere” ha spiegato il legale.
Sulla decisione del magistrato pesano le numerose violazioni che il 44enne ha commesso. Corona infatti non si sarebbe minimamente curato delle numerose restrizioni che doveva rispettare, riproponendo comportamenti sui generis anche in pubblico. 

Barbara D’Urso svela il gesto di Fabrizio Corona prima di tornare in Carcere: “La sua reazione all’arrivo della polizia”

Finora il tribunale di Sorveglianza aveva sempre respinto le numerose richieste richieste della procura generale che aveva presentato dei dossier sulle violazioni commesse da Corona durante il periodo di libertà. Ma nelle ultime ore il parere del magistrato è mutato. La violazione che ha più inciso è stata la sua presenza al “boschetto della droga” di Rogoredo, alla periferia sud di Milano. Lo stesso luogo in cui Corona sarebbe stato aggredito mentre, a suo dire, era sotto copertura per girare un servizio per la trasmissione di Massimo Giletti, “Non è l’arena”.