Ariana Grande e Justin Bieber replicano alle terribili accuse lanciate dal rapper 6ix9ine (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 19 maggio 2020, alle ore 14:35

Ariana Grande e Justin Bieber replicano alle terribili accuse lanciate dal rapper 6ix9ine

Il nuovo singolo di Ariana Grande e Justin Bieber, Stuck With U, continua a macinare successo. Dopo aver ottenuto circa 42milioni di visualizzazioni in soli dieci giorni su YouTube, la canzone (il cui ricavato andrà in beneficenza per far fronte all’emergenza Covid-19) ha conquistato la posizione numero uno sulla chart di Billboard.

Un traguardo, tuttavia, raggiunto con qualche ombra. Almeno secondo le accuse rivolte ai due cantanti dal rapper Tekashi 6ix9ine che ha insinuato che Bieber e Ariana abbiano comprato di tasca propria la prestigiosa posizione. 


Ariana Grande e Justin Bieber replicano alle terribili accuse lanciate dal rapper 6ix9ine

Ariana, che ha ringraziato i fan per il supporto ricevuto, ha voluto replicare alle illazioni sostenute dal rapper.
Voglio ringraziare a tutti coloro che hanno dato il proprio supportato per questa canzone, ma soprattutto per aver reso reale questa iniziativa. Vi amiamo così tanto. 
A ogni modo sono costretta a dire alcune cose: tutti quelli che mi conoscono sanno che dei numeri non mi sono mai interessata. Sono grata di poter cantare. grata di avere persone che hanno voglia di ascoltarmi. Grata di tutto.

Ariana Grande e Justin Bieber replicano alle terribili accuse lanciate dal rapper 6ix9ine

Per i primi cinque anni della mia carriera le mie canzoni non hanno mai ottenuto dei “numeri uno”, Questo non mi ha mai reso triste perchè nel profondo del mio cuore sento che la musica è tutto per me. I miei fan sono tutto per me. non chiederei nient’altro.

Quindi, nonostante ci siano delle celebrazioni da fare oggi, voglio dire alcune cose che solitamente non dico per non dare alito a queste polemiche:  i miei fan hanno comprato la canzone. I fan di Justin hanno comprato la canzone. I nostri fan hanno comprato la canzone  (non più di quattro copie per persona come dice la legge ndr).