Alzheimer, scoperta rivoluzionaria: un vaccino potrebbe prevenire 50-80% dei casi (2 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 23 gennaio 2019, alle ore 14:15

Alzheimer, scoperta rivoluzionaria: un vaccino potrebbe prevenire 50-80% dei casi

Credo che ci stiamo avvicinando a testare questa terapia nelle persone“, ha detto il dottor Rosenberg. Il laboratorio del dott. Rosenberg ha mostrato risposte immunitarie simili negli studi su coniglio e scimmia. Il team del Dr. Rosenberg prevede che se l’amiloide e il tau sono effettivamente la causa del morbo di Alzheimer, ottenere queste riduzioni nell’uomo potrebbe avere un importante valore terapeutico. La malattia di Alzheimer è caratterizzata da un progressivo deterioramento del cervello quando i neuroni vengono distrutti. Circa 5,7 milioni di americani convivono con la malattia fatale, con in aumento del numero previsto più del doppio entro il 2050, secondo i Centers for Disease Control and Prevention.

Alzheimer, scoperta rivoluzionaria: un vaccino potrebbe prevenire 50-80% dei casi

Attualmente non esiste un trattamento efficace, sebbene diversi anticorpi e altre terapie siano state studiate e testate in studi clinici per colpire placche amiloidi e grovigli tau, entrambi segni distintivi della malattia. Questo studio è l’ultimo contributo a decenni di ricerche incentrate sulla rimozione di proteine ​​tossiche nella speranza di prevenire o rallentare la progressione della malattia di Alzheimer. Il cervello umano sano contiene decine di miliardi di neuroni, cellule specializzate che elaborano e trasmettono informazioni tramite segnali elettrici e chimici. Mandano messaggi tra le diverse parti del cervello e da qui arrivano ai muscoli e agli organi del corpo, afferma il NIH.

Alzheimer, scoperta rivoluzionaria: un vaccino potrebbe prevenire 50-80% dei casi

La malattia di Alzheimer disturba questa comunicazione tra i neuroni, con conseguente perdita di funzionalità e morte cellulare. Il Dr. Rosenberg è un professore di Fisiologia e Neurologia e neuroterapia. Ricopre la cattedra di Abe (Brunky), Morris e William Zale in Neurologia. Il Centro per le Malattie Alzheimer e Neurodegenerative è stato creato nel 2014 per trovare le terapie per curare o arrestare la progressione della demenza e dei disturbi correlati. La malattia di Alzheimer (AD) è la più grande minaccia per la salute della nostra popolazione che invecchia e richiede uno sforzo di ricerca commisurato a questo problema.