A soli 10 anni rapita dall’Isis: venduta come schiava sessuale, resta incinta tra abusi e violenze (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 27 febbraio 2019, alle ore 11:15

A soli 10 anni rapita dall’Isis: venduta come schiava sessuale, resta incinta tra abusi e violenze

A soli 10 anni rapita dall’Isis: venduta come schiava sessuale, resta incinta tra abusi e violenze

La tragica storia di Marwa Khedra che a soli 10 anni è stata rapita dall’isis, dopo aver subito a ripetute violenze e abusi, è rimasta incinta. A raccontare la sua tragica storia è sua zia.

Marwa Khedra è una bambina di 10 anni irachena, la sua storia tragica è stata raccontata dalla zia ed è stata riportata in vari quotidiani famosi.

A soli 10 anni rapita dall’Isis: venduta come schiava sessuale, resta incinta tra abusi e violenze

La bambina aveva solo 10 anni quando era stata rapita dall’Isis, questa storia risale al 2014 quando i miliziani dell’Isis erano arrivati nel villaggio in cui viveva Marwa nelle regioni del Sinjar, in Iraq. La zia ha raccontato che i miliziani avevano diviso gli abitanti del villaggio in base al ses*o, gli uomini adulti venivano sepolti vivi, le donne e i bambini invece venivano trasportati in una città del nord del paese, è qui che iniziarono le sofferenze della piccola.

A soli 10 anni rapita dall’Isis: venduta come schiava sessuale, resta incinta tra abusi e violenze

Una volta raggiunto il nord dell’Iraq, le donne furono ulteriormente divise in base al loro valore. Quelle di maggior valore erano tutte quelle bimbe di età compresa tra i 10 e i 20 anni, queste furono vendute e c’era anche Marwa Khedra, la zia della bimba è riuscita a scappare dopo anni e anni di prigionia e sofferenza.

Ai quotidiani ha raccontato che l’ultima volta che è riuscita a vedere la sua piccola nipotina si trovava nel mercato di una città poi l’hanno rapita e portata a Raqqa, roccaforte siriana dell’isis.