Iscriviti

Xiaomi presenta i nuovi phablet top gamma Redmi Note 5 e Redmi Note 5 Pro

In mattinata, Xiaomi ha presentato i nuovi phable top gamma Redmi Note 5, standard e Pro, capaci di offrire ottime prestazioni a prezzi accessibili: in ambedue i modelli, però, manca il supporto alla banda 20 del 4G ed il supporto ad Oreo non è accennato.

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 14 febbraio 2018, alle ore 12:24

Mi piace
7
0
Xiaomi presenta i nuovi phablet top gamma Redmi Note 5 e Redmi Note 5 Pro

Nella mattinata di oggi, secondo l’orario italiano, la hardware house cinese Xiaomi ha presentato due attesi top gamma, gli Xiaomi Redmi Note 5 e Xiaomi Redmi Note 5 Pro, già oggetto di abbondanti ed accurate indiscrezioni che, nelle scorse ore, ne avevano anticipato (quasi correttamente) gran parte delle relative schede tecniche.

Xiaomi Redmi 5: specifiche e prezzi

Il primo phablet della serie, ovvero il Redmi Note 5 appena presentato in India è una sorta di Redmi 5 Plus, e giunge a circa un più di anno di distanza dal predecessore Redmi Note 4, col dovuto carico di novità. La scocca, in alluminio (158.5 x 75.45 x 8.05 mm, per 180 grammi) cadenzato nelle colorazioni Black, Blue, Gold, e Rose Gold, cela un processore octa core della Qualcomm, lo Snapdragon 625 cloccato a 2.0 GHz, ed una GPU Adreno 506, mentre le memorie prevedono varie opzioni di scelta: per la RAM (LPDDR3) è possibile orientarsi tra 3 e 4 GB, mentre per lo storage (espandibile a 128 GB) i tagli previsti sono da 32 e 64 GB

I moduli fotografici sono due. Quello posteriore, da 12 megapixel e con focale a f/2.2, cattura molta luce grazie ai pixel grandi 1,25 micron ed al Flash LED dual tone, e dispone di una messa a fuoco con rilevamento di fase, mentre quella anteriore, da 5 megapixel e con focale a f/2.0, dispone di un normale Flash LED. Sotto una protezione Gorilla Glass, il ben contrastato (1000:1) display LCD IPS da 5.99 pollici eroga una buona definizione d’immagine (403 PPI) ed una certa luminosità (450 nits) alla risoluzione FullHD+ (2160 x 1080 pixel), consentita dall’aspect ratio a 18:9 del pannello, offrendo immagini molto vivide (84% della scala NTSC).

Le connettività dello Xiaomi Redmi Note 5 prevedono il Dual SIM ibrido, il 4G/LTE (con VoLTE, ma senza banda 20), il Wi-Fi n (dual band), ed il Bluetooth 4.2: non manca il GPS (supportato da A-GPS/BeiDou/Glonass), uno scanner per le impronte sul retro, e – in basso – una porta microUSB 2.0 con cui ricaricare la batteria, da 4000 mAh, dotata anche di ricarica rapida 5V/2A. Il sistema operativo scelto è Android Nougat 7.1.2 rivestito dall’interfaccia proprietaria MIUI 9: per i prezzi, infine, la confezione di vendita (in esclusiva su Flipkart) – comprensiva di una clear case – prevede un listino di circa 125 euro per il modello 3+32 GB, e di circa 150 euro per quello 4+64 GB. 

Xiaomi Redmi Note 5 Pro: specifiche e prezzi

In questo caso, lo chassis (158,6 × 75,4 × 8,05 mm, per 181 grammi) è sempre in alluminio, nelle colorazioni Black, Blue, Gold, e Rose Gold, anche se il frontale prevede un vetro leggermente curvo 2.5D per rivestire il display, uguale a quello del modello precedente. Le differenze, quindi, sono per lo più nell’interno, ove Qualcomm ha alloggiato per la prima volta il suo octa core Snapdragon 636 cloccato a 1.8 GHz, ed abbinato ad una GPU Adreno 509: la RAM qui arriva ai tagli da 4 e 6 GB (LPDDR4X), mentre lo storage si porta a 64 GB (eMMC 5.0), sempre espandibili a 128 GB via microSD. 

Le fotocamere appaiono migliorate. Quella anteriore, con focale a f/2.2 e Flash LED, è basata su un sensore Sony IMX376 da 20 megapixel, capace – all’esordio – di girare video a 1080p, supportato dalla feature Beautify 4.0: a marzo, però, potrà avvalersi anche del sistema Face Unlock. Sul retro, invece, campeggia una doppia fotocamera in cui il sensore da 12 megapixel con focale a f/2.2, un Sony IMX486 coadiuvato dalla messa a fuoco con rilevamento di fase, da un Flash LED dual tone e da pixel grandi 1.25 micron, è affiancato da un sensore Samsung da 5 megapixel con focale a f/2.0, equipaggiato con pixel grandi appena 1,12 micron e stabilizzazione elettronica delle immagini. Il resto della scheda tecnica dello Xiaomi Redmi Note 5 Pro continua sulla falsa riga del fratello minore, sia per connettività (il Bluetooth, però, è 5.0), che per sicurezza (scanner posteriore), batteria (qui affiancata dal Quick Charge 2.0), e sistema operativo.

Per i prezzi, le vendite (dal 22 Febbraio) prevedono circa 176 euro per il modello 4+6 GB, e pressappoco 215 euro per la variante da 6+64 GB. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Nulla da dire sui nuovi arrivati della Xiaomi. I phablet Redmi Note 5 offrono buonissime prestazioni a prezzi accessibili, anche se - in questo caso - uno sforzo in termini estetici si poteva pur fare: il solo adeguamento al formato 18:9 per il display è poca roba. Più interessante, nel duetto presentato, è il Redmi Note 5 Pro, con doppia fotocamera posteriore, processore Snapdragon 636, e Face Unlock. Peccato per il mancato supporto alla frequenza da 800 MHz nel 4G.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!