Iscriviti

Nubia Red Magic: anche ZTE ha il suo curioso ed originale gaming phone estremo

Anche ZTE non ha resistito al richiamo del gaming, e si è prodotta - tramite la controllata Nubia - nel varo di un suo smartphone per gamer estremi, il curioso ed originale (ma anche e soprattutto potente) Nubia Red Magic con prese d'aria e led RGB posteriore.

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 19 aprile 2018, alle ore 20:21

Mi piace
8
0
Nubia Red Magic: anche ZTE ha il suo curioso ed originale gaming phone estremo

Dopo le avvenute presentazioni del Razer Phone e dello Huawei Black Shark, è chiaro che uno dei trend della telefonia moderna, coronato dalla nascita di un apposito filone di device, sia quello dei gaming phone: in questo novero, ancora agli esordi, va ad inserirsi anche il testé annunciato Red Magic della cinese Nubia (ZTE). 

Il Nubia Red Magic – visto l’uso cui è destinato – punta forte sulla dissipazione del calore: la sua scocca (158.1 x 74.9 x 6.8-9,5 millimetri, per 185 grammi) in lega di alluminio, soggetto ad un’anodizzazione trifase e ad una sabbiatura in 5 step, incrementa le sue già naturali capacità di smaltimento del calore sia grazie al triplo strato di grafite di cui è dotata, sia grazie alle 4 feritoie poste in diagonale sulla scocca posteriore, quasi a mettere in “virgolettato” una longilinea striscia a led RGB, personalizzabile, che culmina prima nello scanner d’impronte, e poi nella fotocamera posteriore ISOCELL da 24 megapixel (f/1.7, e sensore a 6 elementi), anch’essa esagonale, con Flash LED dual tone, stabilizzazione elettronica dell’immagine, e video girati in 4K@30fps, e a 720p@120fps (slow motion). 

Il frontale, sormontato da una selfiecamera grandangolare (76°) BSI ad 8 megapixel, ed incantato da un ampio display TFT LTPS da 6 pollici, con risoluzione FullHD+ (1080 x 2160 pixel grazie all’aspect ratio a 18:9), è protetto da una soluzione anti-urti alternativa tanto alla nipponica DragonTrail quanto all’americana Corning Gorilla Glass, la NEG Dinorex T2X-1. Sempre in ambito multimediale, annotiamo la presenza del jack da 3.5 mm e di un suono DTS (Digital Theater System), purtroppo erogato da un singolo speaker che, in compenso, si fa supportare da un amplificatore TAS2555

Al di sotto, troviamo un enorme sprint computazionale consentito dalla CPU Snapdragon 835 in cui gli octa core, con un clock massimo a 2.45 GHz, lavorano d’amore e d’accordo con la GPU Adreno 540: gli abbinamenti di memoria previsti, per RAM e storage, sono da 6+64 GB e da 8+128 GB.

L’energia di certo non manca, al Nubia Red Magic, grazie alla batteria da 3.800 mAh (bastevole per 7 ore di Arena of Valor), munita di ottimizzazione “NeoPower 3.0” e ricarica rapida tramite la porta microUSB Type-C, ed alla scelta di Android 8.1 personalizzato con un’interfaccia ad hoc, la nuova Nubia Red Magic OS.

Un altro contributo, ad un’esperienza da gaming senza compromessi, giunge in dote al Red Magic di Nubia dal pulsante fisico dedicato che, una volta premuto, avvia una “game mode”, sostanziata in una modalità sia anti-disturbo (notifiche bloccate, attività di rete in background ridotte), che “pompata”, con tutte le principali risorse messe a disposizione dei numerosi giochi (ben 128 al momento) ottimizzati per questo device. 

Molto completa, infine, anche la serie delle connessioni di bordo, nel Nubia Red Magic, con il Dual SIM che fa compagnia al Wi-Fi ac dual band, al 4G/LTE (con VoLTE), al Bluetooth 5.0, ed al GPS (Glonass, A-GPS). 

Curiosa anche la scelta distributiva del Nubia Red Magic. Dal 24 Aprile lo si potrà acquistare anche su Indiegogo: nel frattempo, è già in pre-ordine sul sito aziendale, ove la disponibilità effettiva avverrà il 25 di Aprile, con un prezzo di circa 322 per la versione 6+64 GB, e di pressappoco 386 euro per quella da 8+128 GB.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Nubia aveva minacciato le 4 feritoie dietro, e ha mantenuto la promessa. A guardare il posteriore del suo Red Magic, sembra quasi di osservare lo chassis bitorzoluto (ma con classe e follia) di uno tower da gaming: la potenza non manca, e l'uso destinato al gaming giustifica la mancanza della doppia fotocamera posteriore. Sarà interessante sapere qualcosa in più della particolare personalizzazione software di cui è stato fatto oggetto.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!