Iscriviti

Mony Mint: ufficiale il più minuscolo smartphone al mondo col 4G

Arriva sul mercato, con dimensioni pari a una carta di credito, il minuscolo smartphone Mint della cinese Mony che, battuto il Palm Phone della connazionale TCL, mette in campo anche una notevole autonomia, pari a ben 3 giorni.

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 9 agosto 2021, alle ore 09:17

Mi piace
3
0
Mony Mint: ufficiale il più minuscolo smartphone al mondo col 4G

La tendenza attuale degli smartphone, come riscontrato col best seller Xiaomi Mi 11, vede sempre più affermarsi, onde agevolare il consumo multimediale, verso i “padelloni” con ampie diagonali, però alquanto scomodi da portare in tasca. Onde rimediare a questo stato di cose, la start-up cinese Mony ha annunciato, a seguito di una riuscitissima campagna di crowdfunding su Indiegogo, quello che viene ritenuto il più piccolo smartphone 4G al mondo

Dimensionato a 89,5 x 45,5 x 11,5 mm, con un peso di appena 75 grammi, il Mony Mint opta per un display LCD da 3 pollici (più piccolo dei 3.3 pollici del Palm Phone messo in campo nel 2018 da TCL) risoluto in FWVGA, cioè da 854 x 480 pixel, con 270 PPI e un rapporto d’aspetto a 16:9, attorniato da due corpose che – in verticale – risultano funzionali non solo per l’impugnatura: quella superiore, sulla sinistra, ospita infatti una selfiecamera da 2 megapixel

Onde non affollare i frame laterali sul minuscolo smartphone Mony Mint, il bilanciere per gestire il volume, con i suoi due mini-pulsantini, si trova a sinistra, mentre il tasto d’accensione è situato a destra, col bordo corto in basso che si limita a posizionare una porticina microUSB Type-C (niente jack da 3.5 mm quindi): il retro, nelle colorazioni blu o nero, sempre in tema di fotocamere, si limita a un sensore mono da 5 megapixel.

Per la coppia elaborativa, comprensiva anche della GPU Mali-T720 MP2, risulta preferito, per ragioni anche di costi, il processore quadcore (1.5 GHz) MT6735 di Mediatek che, nel device in questione, attinge a 3 GB di RAM ed a 64 GB di storage, espandibile via microSD di altri 128 GB. 

Le connettività del minuscolo Mony Mint, animato da Android 9, prevedono il Dual SIM, il 4G con frequenze globali, l’integrazione del GPS e, ovviamente, il Bluetooth e il Wi-Fi (qualora la copertura mobile non fosse particolarmente buona o si volesse risparmiare il traffico dati): a fornire l’energia, per 3 giorni (72 ore) di uso normale, è una batteria da 1.250 mAh. Per acquistare il nuovo mini smartphone cinese, frutto della locale start-up Mony, è possibile prenotarlo prima del lancio ufficiale (per 150 dollari), attraverso Indiegogo, secondo alcuni scaglioni (100, 115, 130 dollari) riservati (ciascuno salvo esaurimento) agli early birds che investiranno nel progetto, con spedizioni calendarizzate per Novembre

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Non male: devo dire che questo smartphone è decisamente curioso e, acquistato per tempo, persino piuttosto economico: in realtà, il prezzo potrebbe sembrare sproporzionato per specifiche e dimensioni, ma va considerato il peso dell'effetto "comodità" per un device destinato a fare da muletto e a favorire un po' di sano detox digitale.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!