Iscriviti

Palm è tornata: ecco il suo primo mini-smartphone con Face Unlock a Android 8.1

In Agosto se ne era parlato e alla fine è accaduto: la cinese TCL ha riportato in vita un brand storico della telefonia e ha annunciato "Palm", uno smartphone Android ultracompatto, ottimo come telefono secondario, con sblocco facciale ed interfaccia dedicata.

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 15 ottobre 2018, alle ore 17:22

Mi piace
7
0
Palm è tornata: ecco il suo primo mini-smartphone con Face Unlock a Android 8.1

Nei mesi scorsi, si è parlato del ritorno dei palmari, i primi tipi di smartphone, grazie all’acquisto del marchio Palm da parte della cinese TCL che già detiene i brand Alcatel e Motorola: ad Agosto, poi, erano trapelate alcune informazioni a proposito del primo esemplari di questi telefoni compatti, il Palm “Pepito” che, nelle scorse ore, è stato finalmente annunciato in forma ufficiale.

Palm, questo il nome finale del prodotto, è uno smartphone ultracompatto (96.6×50.6×7.4 mm, per 62.5 grammi) allestito con un telaio in metallo (nel frame laterale) e vetro Gorilla Glass 3 (sia il lato A che quello B), immune ad acqua e polvere (IP68), utilizzabile come telefono secondario grazie alla funzione “NumberShare dell’operatore telefonico che lo distribuisce negli USA, Verizon, grazie alla quale è possibile condividere il numero adottato dal telefono principale (magari un padellone scomodo da portarsi sempre in giro). 

Il display del Palm è un pannello LCD da 3.3 pollici, con risoluzione HD e ottima densità d’immagine (445 PPI) sul quale Android Oreo 8.1 viene visualizzato attraverso un’interfaccia dedicata alla piccolo polliciaggio in questione: swippando verso il basso, si ottiene un Gesture Pad (unico tasto virtuale centrale) nel quale si può disegnare l’iniziale dell’app preferita da lanciare mentre, ricorrendo a un launcher a scorrimento verticale con griglia esagonale (come quello dell’Apple Watch) è possibile lanciare le principali funzionalità di un’app (Quick Actions) tenendo premuto su una data icona visualizzata. Anche le fotocamere non mancano: quella frontale è da 8 megapixel e, vista l’assenza dello scanner per le impronte, si occupa di sbloccare il telefono col Face Unlock mentre, sul retro, assieme al Flash LED, troviamo una fotocamera principale da 12 megapixel.

All’interno, il Palm propone un processore a otto core Qualcomm, lo Snapdragon 435, coadiuvato da 3 GB di RAM e da 32 GB non espandibili di storage: la batteria, da 800 mAh, ricaricabile via microUSB Type-C, assicura 8 ore di autonomia, ma è possibile andare ben oltre questo range ricorrendo allaLife Mode capace di innestarsi quando lo schermo è spento (con sospensione di Wi-Fi n/Bluetooth 4.2/LTE e della ricezione di chiamate e notifiche), e di disattivarsi quando – sbloccando manualmente il telefono – si attiva il GPS, si ricorre allo streaming musicale, o si è impegnati in una chiamata. 

Secondo quanto comunicato, il nuovo Palm – di TCL Communications – dotato di un singolo speaker frontale ed equipaggiato con una tastiera Fleksy cucita su misura, arriverà sul mercato in quel di Novembre, a un prezzo di 349.99 dollari.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Il nuovo Palm è un telefono curioso: è grande più o meno come una carta di credito e riporta in auge lo stile dei primissimi telefoni touch con connettività, appunto i palmari, cui poco bene fece prima la concorrenza di Apple e poi il successivo passaggio ad HP. Ora, il ritorno sul mercato con TCL avviene grazie a un dispositivo che può essere un ottimo telefono secondario, ben equipaggiato e concepito in tutto: peccato per la mancanza del modulo NFC perchè, grazie ad esso, avrebbe fatto anche da portafoglio 2.0.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!