Iscriviti

Huawei Enjoy 20e: in pre-ordine il nuovo medio-gamma, con duplice "anima"

Come ipotizzato, Huawei ha alzato il sipario su un nuovo smartphone di fascia medio-bassa, l'Enjoy 20e che, però, risulta allestito in due varianti tecniche, di cui una con processore e sistema operativo proprietario, e una con chip Mediatek e Android.

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 25 ottobre 2021, alle ore 13:55

Mi piace
2
0
Huawei Enjoy 20e: in pre-ordine il nuovo medio-gamma, con duplice "anima"

Dopo i rumors dei giorni scorsi, che parlavano dell’arrivo sul mercato di uno smartphone Huawei di fascia bassa, quest’ultimo, col nome di Huawei Enjoy 20e, è effettivamente comparso in prevendita su alcuni store online, come Vmall e JD.com, palesando una natura “duplice”.

Huawei Enjoy 20e (159.07 x 74.06, x 9.04 mm per 185 grammi) ha un frontale con un vetro 2.5D leggermente curvo e, sul retro, ove si può notare un incavo circolare al centro per lo scanner delle impronte digitali, una trama olografica con onde a forma di S: le colorazioni ufficiali del prodotto sono Magic Night Black, Wonder Forest (verde), Phantom Purple. 

Il frontale dello Huawei Enjoy 20e è “vintage”, con un notch a goccia (per la selfiecamera dimensionata a 2.65 mm, da 8 megapixel con f/2.0, fuoco fisso, abbellimento della pelle, modalità ritratto, face unlock) e un mento abbastanza evidente in basso che circoscrivono, con un aspect ratio dell’81.3%, un pannello LCD TFT IPS da 6.3 pollici risoluto in HD+, con 278 PPI di densità di pixel per pollice. Sul retro, un semaforo a sinistra ingloba una dual camera che, frammezzata da un Flash LED, si compone di un sensore principale da 13 (f/1.8, autofocus, zoom digitale 4x, scatti da 4160×3120 pixel come nei Nokia 3.4Samsung Galaxy A20, video FullHD@40fps nei codec H.263/264/MPEG4) e di uno secondario da 2 (profondità, f/2.4, fuoco fisso). L’audio risulta decisamente roboante, con una potenza di 86 decibel, grazie alla tecnologia di amplificazione proprietaria SuperSound

La batteria, nello Huawei Enjou 20e, ammonta a 5.000 mAh, è ricaricabile a 10W (via microUSB 2.0 OTG) e supporta la ricarica inversa cablata fungendo, in pratica, da powerbank: in tema di connettività, è possibile trovare il Dual SIM con solo il 4G, il Bluetooth 5.0 LE (A2DP), il Wi-Fi n (hotspot, direct), il GPS (assistito, Beidou, Galileo, Glonass) e il mini-jack da 3.5 mm

È sull’assetto logico che l’Enjoy 20e sorprende quando a scelte: fermo restando lo storage, espandibile via microSD di 512 GB, la variante “standard” del device, con Android 11 sotto EMUI 10.1, monta il processore octacore (2.3 GHz) MediaTek Helio P35 MT6765 con GPU PowerVR GE8320, assieme a 4 di RAM e a 64/128 GB di archiviazione (con file system proprietario EROFS): diversamente, la versione “alta”, animata da Harmony OS 2.0 (con scheda di controllo per proseguire l’ascolto su uno speaker compatibile e chiamate di gruppo sino a 12 persone in FullHD via messenger Changtonghua), monta (dalla data di disponibilità, l’11 Novembre) il processore octacore (2.0 GHz) Kirin 710A, abbinato alla GPU Mali G51 MP4, con 6 GB di RAM e 128 GB di storage. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Un po' la carenza di processori, un po' il fatto che in Cina non si fanno tanti problemi nell'adottare Harmony OS, ha probabilmente indotto Huawei a questa curiosa scelta dell'attribuire letteralmente una doppia anima allo smartphone Enjoy 20e che, a parte questo, risulta essere comunque uno smartphone di fascia medio-bassa.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!