Iscriviti

Crosscall annuncia i device mobili corazzati professionali CORE-S4 e CORE-M5

Dallo sport all'ambito professionale: questo è il passaggio che Crosscall ha compito nel presentare i nuovi device mobili corazzati CORE-S4 e CORE-M5, provvisti di 3 anni di garanzia, programma Android Enterprise Recommended e resistenza MIL STD 810H.

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 15 ottobre 2021, alle ore 10:48

Mi piace
2
0
Crosscall annuncia i device mobili corazzati professionali CORE-S4 e CORE-M5

Dopo essersi concentrata spesso e volentieri nella realizzazione di smartphone rugged adatti agli sporti estremi e alle avventure outdoor, la francese Crosscall, forte del fatturato di 81 milioni di euro nel 2021 pronto ad arrivare a 143 milioni nel 2022, ha deciso di puntare all’utenza professionale (come dimostrato anche dall’accordo sottoscritto con la polizia e la gendarmeria francese), mettendo in campo (anche in Italia, con distribuzione curata da Athena) nuovi device mobili che siano resistenti (MIL STD 810H), facili a manutenersi ed essere aggiornati, con 3 anni di garanzia e adesione al programma Android Enterprise Recommended.

Crosscall CORE-S4 è un feature phone, quindi con tastierino fisico, molto corazzato che, mediante il sistema ad aggancio magnetico posteriore X-Link, risulta compatibile con gli stessi accessori degli smartphone rugged del marchio, ma riesce anche a caricarsi in wireless senza dover aprire la porticina microUSB per inserirvi l’opzionale cavo di ricarica: ad animarlo è il sistema operativo KaiOS che, mettendo a frutto la connettività 4G presente, offre l’accesso alle versioni lite di numerose app, tra cui WhatsApp, quando non è necessario passare, in automatico, via tecnologia Digital Enhanced Cordless Telecommunications (DECT), alle comunicazioni in modalità cordless, particolarmente utili nel mantenere coordinata la forza lavoro sul campo. 

Di tipo diverso, essendo un vero e proprio smartphone classico animato da Android 11 (beneficiato dal rispetto dei requisiti per ottenere il placet Android Enterprise Recommended), il Crosscall CORE-M5 (151 x 74 x 15.5 mm) scende in campo con l’impermeabilità IP68 per resistere, anche in acqua salata, a immersioni sino a 2 metri per mezzora.

Pratico come pochi, con la possibilità di munirlo di un laccetto di sicurezza e grazie al pulsante colorato laterale programmabile (es. per parlare in walkie-talkie via X-TALK, o attivare la fotocamera, la torcia, un’app qualsiasi, una sirena visto che l’altoparlante ha una potenza di 100 decibel. Dietro un vetro Gorilla Glass 3, il device cela un display da 4.95 pollici con 500 nits di luminosità, 18:9 di aspect ratio, usabile anche con dita bagnate o guantate.

In termini computazionali, è di stanza il processore octacore (2.0 GHz) Snapdragon 662 coadiuvato da 3 GB di RAM e, quanto a storage, da 32 GB espandibili a 512 GB via microSD (rinunciando, però, alla seconda SIM. Chiudono il quadro tecnico del device il capitolo autonomia, con una batteria da 4.000 mAh, e quello delle connettività, inclusive di 4G (max 300 Mbs) con tethering, Wi-Fi ac dual band con hotspot, NFC anche per i pagamenti contactless, Bluetooth 5.0 e GPS.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Quello di Crosscall è un passo inevitabile visto che i rugged phone non disdegnano affatto il mondo professionale, anzi: la certificazione di Google per l'uso dei device in contesti aziendali, oltre a resistenza, gestione facilitata (garanzia, manutenzione, aggiornamenti), permettono ai nuovi prodotti di questo marchio di mettersi a disposizione del professionista, in vari modi, anche con la comunicazione cordless o quella in stile Push To Talk.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!