Iscriviti

Blackview BV9800 Pro: ecco il primo rugged phone per i safari fotografici

In attesa del lancio ufficiale, tramite la piattaforma di crowdfunding Kickstarter, Blackview ha anticipato le specifiche del nuovo rugged phone, BV9800 Pro che, oltre alla consueta robustezza, si distingue per avere una notevole tripla fotocamera posteriore.

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 22 settembre 2019, alle ore 19:27

Mi piace
6
0
Blackview BV9800 Pro: ecco il primo rugged phone per i safari fotografici

Gli smartphone rugged, per i contesti professionali più estremi, e per le avventure outdoor ai limiti dell’umana sopravvivenza non sono una novità: purtroppo, anche la scarsa qualità fotografica degli stessi è un assunto alquanto rodato, quasi che, nel settore, sia ritenuto importante solo l’integrità del telefono, e non anche quello che ci si può fare. Il costruttore cinese Blackview prova a smarcarsi dalla soffocante concorrenza di Caterpillar, col nuovo Blackview BV9800 Pro, dotato anche di ottime specifiche fotografiche.

Innanzitutto la resistenza. Il nuovo Blackview BV9800 Pro, su questo, non transige, vista la capacità di superare i test militari MIL-STD-810G, e la resistenza a polveri e liquidi certificata dagli standard IP68 e 69K: il risultato si traduce in uno chassis, muscoloso come al solito che, però, guarda anche aspetto multimediale.

Il notch a V posto frontalmente in alto alloggia una selfiecamera da 16 megapixel, abilitata anche alla scansione del volto, a fini di sblocco, senza che, però, venga meno, avendo le mani libere, il ricorso al più tradizionale scanner per le impronte digitali, posto di lato, lungo una placchetta metallica.

Il display, un pannello OGS da 6.3 pollici particolarmente luminoso (500 cd/m²), è protetto da un vetro Gorilla Glass e raggiunge la risoluzione FullHD Plus mentre, sul retro, all’interno di un bumper squadrato, atto ad ospitare anche il Flash LED, è presente una triplice fotocamera, ,formata da tre sensori esalente: quello principale, da 48 megapixel (Sony IMX586, con pixel binning), è accompagnato da uno secondario, e da una termocamera Flip Lepton che, grazie alla tecnologia MSX, sfoggia termogrammi sempre chiari e dettagliati. In tal modo, sarà possibile scovare un animale che si nasconda nel fogliame, pronti a immortalarlo grazie alla modalità di scatto notturno “Nighthot”

Centro nevralgico del Blackview BV9800 Pro, il processore octacore (2.1 GHz) Helio P70 di MediaTek, assieme alla GPU Mali G72MP, fa affidamento su 6 GB di RAM, e su 128 GB di storage espandibile. Onde consentire una comunicazione ottimale, nel segmento connettività, già dotato di Dual SIM con 4G e di modulo NFC per i pagamenti a sfioramento, sono previsti il Wi-Fi ed il Bluetooth, oltre a un GPS che, grazie alle reti BeiDou e Glonass, in tandem con il rilevatore della pressione atmosferica, riesce a identificare la posizione dell’utente anche in altezza. Dulcis in fundo, nel Blackview BV9800 Pro, la batteria, da 6580 mAh, è capace di garantire 35 giorni di stand-by, o ben 27 ore di chiamate continuative (giusto il tempo di farsi localizzare!).

Animato da Android 9, il Blackview BV9800 Pro arriverà presto in crowdfunding su Kickstarter, ad un prezzo preventivato entro e non oltre i 400 dollari, di sicuro ben sotto l’immediato rivale Cat S61 listato a 999 dollari.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - In effetti, guardando tanti rugged phone, anche discretamente potenti, il primo pensiero che mi veniva in mente era che, purtroppo, con quei telefoni, ci si sarebbero fatte delle pessime foto, anche trovandosi davanti a un paesaggio mozzafiato, magari in altissima montagna, o nel mezzo di una foresta. Ciò avrebbe costretto l'avventuriero di turno a dotarsi di un'ingombrantissima fotocamera professionale: col BV9800 Pro, questa lacuna sembrerebbe esser stata risolta, quanto meno sulla carta!

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!