Iscriviti

Smartband e smartwatch low cost, per amanti del benessere, da GOQii, Kospet e Blitzwolf

Per tenersi in forma non è mai troppo tardi e, soprattutto, non mancano le alternative low cost da mettere al posto, tra le quali - negli ultimi tempi - sono andate ad aggiungersi le proposte di tre brand emergenti, come GOQii, Kospet, e Blitzwolf.

Hi-Tech
Pubblicato il 23 agosto 2019, alle ore 20:57

Mi piace
11
0
Smartband e smartwatch low cost, per amanti del benessere, da GOQii, Kospet e Blitzwolf

Molto spesso, ciò che frena gli utenti dal mettersi in forma è il costo della strumentazione da usare per allenarsi, e badare al proprio stato di salute. Proprio per tale motivo, sono sempre più numerose le realtà, anche emergenti, che propongono soluzioni low cost, per altro ricche di funzionalità, idonee per la maggior parte delle esigenze salutistiche: esattamente come nel caso delle ultime creazioni wearable di GOQii, Kospet, e Blitzwolf.

Dall’americana (dal cuore indiano) GOQii arriva la smartband GOQii RunGPS (31 euro, o 2.499 rupie) che non solo attenziona la qualità del sonno, ma anche diverse attività sportive (ciclismo, camminata, corsa), mediante il supporto hardware di un localizzatore GPS e di un cardiofrequenzimetro ottico (rilevamento continuo od ogni 5 minuti), potendo consultare sul display OLED i dati distribuiti attraverso 6 comode schermate (relative ai passi fatti, alla durata dell’allenamento, alla frequenza cardiaca, alle calorie bruciate, alla distanza percorsa, e all’andatura tenuta).

Il valore aggiunto della nuova sportband, la cui autonomia è di circa 7 giorni dopo una singola carica via microUSB, è rappresentato dall’applicazione, per Android/iOS, GOQii che offre 3 mesi di abbonamento gratuito ad un servizio di consulenza medica ed a un personal trainer, oltre al normale accesso a un Health Store per comprare alimenti sani da assumere, a un GOQii Play contenente video tutorial, ed alla GOQii Arena ove incontrare altre persone con le quali sfidarsi nel migliorare le prestazioni. 

Dalla cinese Kospet, già apprezzata per i rotondeggianti Kospet Brave e Kospet Optimus Pro, arriva il nuovo smartwatch Kospet Magic (13 euro, nelle colorazioni nero, rosa, blu), con un display circolare da 1.3 pollici risoluto a 240 x 240 pixel sotto il quale albergano una batteria da 140 mAh, accreditata di 8 ore di autonomia in stand-by, e 128 KB di RAM.

Grazie al Bluetooth è possibile ricevere le notifiche dello smartphone mentre, col resto dell’hardware, tra cui un GPS ed un cardiofrequenzimetro, si rileva la qualità del sonno ed il feedback nelle attività sportive. In quest’ultimo caso, è possibile conteggiare i passi fatti, le calorie bruciate, annotare la frequenza cardiaca, ma anche la pressione arteriosa, e stimare la quantità di ossigeno nel sangue.

Sempre low cost (in pre-ordine a 15.33 rispetto al prezzo finale di 27 euro), più ancora del già accessibile AmazFit BIP da cui trae spunto, è l’altrettanto cinese BlitzWolf HL1 che, connesso via Bluetooth al telefono, ne gestisce la musica, la fotocamera, le chiamate in entrata, i messaggi, senza dimenticare la possibilità di monitorare – sul display squadrato a colori da 1.3 pollici – le attività sportive, attraverso 8 diverse modalità di allenamento, con i responsi fisici ottenuti tramite l’analisi della frequenza cardiaca o del livello d’ossigeno nel sangue. Impermeabile, stante la certificazione IP68, grazie alla batteria da 180 mAh, eroga i suoi servigi per 15 giorni di stand-by che, dietro connessione attiva e continuativa, scendono di pressappoco la metà (7). 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Il formato della smartband, a mio avviso, è più indicato per le attività sportive: preferendo un wearable che abbia un minimo di funzioni in più, in genere si tendere a preferire uno smartwatch. Tuttavia, ciò nonostante, tra i dispositivi presentati, quello che mi ha colpito di più è proprio il fitness tracker, per via del grande background esperienziale che, leggendo in Rete, vi ho trovato dietro. Non è un caso, infatti, che in India questo dispositivo sia integrato in precisi piani di benessere aziendale.

Lascia un tuo commento
Commenti
Lara Tubia
Lara Tubia

24 agosto 2019 - 13:53:56

Credo che la tecnologia, unita alla motivazione personale, possa contribuire fortemente alla pratica dell'attività fisica.

0
Rispondi
Lara Tubia
Fabrizio Ferrara

24 agosto 2019 - 19:00:06

Certamente: serve anche essere motivati.

0