Iscriviti

Oryx Pro: presentato il notebook Linux based con Intel e Nvidia di ultima generazione

Dalla fucina creativa degli americani di System76 arriva il nuovo portatile Oryx Pro, realizzato con processori Intel di 10a generazione e schede grafica Nvidia GeForce RTX sino alla 2080 Super: eccone specifiche e prezzistica.

Hi-Tech
Pubblicato il 29 giugno 2020, alle ore 08:48

Mi piace
5
0
Oryx Pro: presentato il notebook Linux based con Intel e Nvidia di ultima generazione

Affrontata la fase di smart working col super autonomo notebook Lemur Pro, naturalmente Linux based, l’americana System76 ha presentato, dal quartier generale nel Colorado, il nuovo laptop Oryx Pro, che pur non configurandosi quale workstation mobile, vanta una potenza in grado di metterlo in competizione col prestigioso DELL 13 Developer Edition

Oryx Pro, concepito con due diverse dimensioni, 19.81 x 357.38 x 238.00 mm (1.99 kg) per il modello da 15.6 pollici, e 19.81 x 396.24 x 264.92 mm (2.30 kg) per quello da 17.3”, si avvale di pannelli FullHD con 144 Hz di refresh rate e trattamento opaco (per una buona leggibilità all’aperto): la webcam HD, situata in posizione consueta, in alto, arriva a 1 megapixel ed è accompagnata, nelle videoconferenze, dall’integrazione di due speaker stereofonici

Il corpo macchina dell’Oryx Pro (listato sul sito ufficiale del brand, partendo da 1.623 dollari) propone ai lati diverse porte, tra cui una mini Display Port, una HDMI, una Ethernet Gigabit Lan, un jack da 3.5 per cuffie e microfono, un ingresso audio digitale (es. per amplificatore, soundbar, etc), un lettore di schede SD, e quattro USB 3.2 (di cui una con alimentazione AC / DC e una con Thunderbolt 3). Sotto la tastiera, con retroilluminazione colorata, assieme al modem per le connettività senza fili (Bluetooth e Wi-Fi 6), alberga il motore di tutto l’hardware, che, in termini di specifiche, ricorre all’aiuto di Intel e Nvidia.

Il processore, un Intel di 10a generazione di recente presentazione, è l’i7-10875H, a 8 core (da 2.3 a 5.1 GHz in TurboBoost) a 16 thread: in fase di configurazione può essere associato a GPU GeForce RTX 2060 (con 6 GB di memoria dedicata DDR6) per la versione base, a una 2070 (8 GB) per quella intermedia, e a una 2080 Super (8 GB) per quella premium. Anche per le memorie, sono presenti varie possibilità di scelta: la RAM (DDR4 2933 MHz) prevede le pezzature da 8, 16, 32, 64 GB, mentre lo storage, che parte da un minimo di 240 GB in SSD M.2, raggiunge il clou con due SSD M2 (opzionabili con interfaccia PCIe NVMe o SATA) in Raid 0 per un totale di 4 TB

Dotato di una batteria da 73 Wh a 3 celle, caricabile a 180 Watt, il notebook Oryx Pro è supportato da sistemi operativi open a 64 bit, tra cui Ubuntu 20.04 LTS o Pop!_OS 20.04 LTS: il firmware è il Coreboot, mentre la presenza dell’Embedded Controller Firmware abilita la gestione ottimizzata di batteria, ventole, tastiera, etc. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Oryx Pro, come pure i precedenti modelli, conferma l'ottimo lavoro svolto da System76 nel presentare notebook a base Linux (o col proprio, securtivo, sistema operativo), di buonissima fattura realizzativa, e con prestanti specifiche tecniche. Considerando che si tratta di un laptop premium, 1600 dollari circa sono accettabili, visto che con Windows on board, forse, sarebbe stato necessario aggiungerne altri 600 per avere specifiche similari.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!