Iscriviti

Huawei Band 3 Pro e Band 3e: economiche smartband per sportivi e amanti della corsa

Davvero suntuoso l'evento londinese organizzato da Huawei, che non ha deluso per nulla il suo pubblico, presentando anche diversi gadget indossabili, tra cui il già emerso Huawei Watch GT e, soprattutto, le inedite smartband Huawei Band 3 Pro e Band 3e.

Hi-Tech
Pubblicato il 17 ottobre 2018, alle ore 00:39

Mi piace
8
0
Huawei Band 3 Pro e Band 3e: economiche smartband per sportivi e amanti della corsa

Nel corso del ricchissimo evento londinese che ha avuto per protagonisti i nuovi top gamma Huawei, calibrati anche in edizione gaming ed extralusso, il colosso cinese si è dedicato anche al mondo della tecnologia indossabile. Nello specifico, annunciando – oltre al già trapelato Huawei Watch GT – anche le nuove e inedite smartband Huawei Band 3 Pro e Band 3e.

La prima smartband, ovvero la Huawei Band 3 Pro ha una struttura a braccialetto con un telaio immune alle immersioni sino a 5 atmosfere e 50 metri massimi, ottima qualora si volessero monitorare anche attività sportive come il nuoto.

Al suo interno, sono presenti un sensore per il battito cardiaco ed uno per il monitoraggio del sonno, resi più precisi dai rispettivi algoritmi TruSeen 3.0 e TrueSleep 2.0, già visti a bordo dello smartwatch, ed un localizzatore GPS integrato. I dati, oltre che esportabili su smartphone, sono anche visualizzabili in sintesi sul display, formato da una striscia AMOLED a colori, da 0.95 pollici con risoluzione da 120 x 240 pixel. Il prezzo della Huawei Band 3 Pro è di 99 euro ma, sino al 24 Ottobre, sarà regalata a coloro che compreranno uno Huawei Mate 20 Lite.

Con un migliore rapporto tra qualità-prezzo si presente, poi, la Huawei Band 3e (13.6 grammi), listata a 24.99 euro, ma ancora senza una data precisa di lancio. In questo caso, pur conservando l’impermeabilità fino a 50 metri in immersione, il wearable è dotato di un display da 0.5 pollici sempre OLED ma a matrice passiva (POLED) monocromatico sul quale visualizzare le notifiche dello smartphone (è comunque presente la modalità non disturbare “DND mode”) ed i dati raccolti da vari sensori tra cui accelerometro esa-assiale, giroscopio, tracking del sonno, potendo – poi – ottenere, di rimando, dei consigli su come migliorare le prestazioni, o semplicemente le posture.

Variabile, infine, l’autonomia assicurata dalla batteria (77 mAh): la Huawei Band 3e dichiara 14 giorni di operatività che, però, scemano rapidamente verso le 40 ore nel caso (“Shoes mode”) ci si avvalga continuativamente di tutta la sensoristica necessaria per tracciare la corsa (può essere agganciato ai lacci delle scarpe). 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Le due smartband in questione, ovvero la Huawei Band 3 Pro e la Band 3e sembrano rivolte a un pubblico diverso e, quindi, non bisogna farsi ingannare dal prezzo: la seconda, ad esempio, è decisamente indirizzata ai corridori ed ai podisti che intendono migliorare le loro prestazioni ottenendo indicazioni sulla postura, sulla falcata, la dimensione dei passi, la cadenza, la velocità media, il modo in cui il piede tocca terra, etc. Il primo wearable, invece, è più generico e meno focalizzato sulla corsa, risultando utile a diverse fattispecie di sportivi.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!