Iscriviti

Sesso in parlamento, per Sgarbi non è una novità: "l’ho fatto più di 300 volte"

Dopo il caso dei due deputati sorpresi in atteggiamenti intimi, Vittorio Sgarbi, intervistato a La Zanzara, rivela altri incontri a luci rosse nei bagni di Montecitorio.

Gossip
Pubblicato il 13 dicembre 2018, alle ore 10:48

Mi piace
15
0
Sesso in parlamento, per Sgarbi non è una novità: "l’ho fatto più di 300 volte"

Il clamore per la notizia di un incontro a luci rosse nei bagni di Montecitorio, tra due esponenti della Camera dei Deputati non si è ancora placato, e, nell’attesa di scoprire l’identità dei due amanti, arrivano le rivelazioni di Vittorio Sgarbi, intervistato alla radio durante la trasmissione La Zanzara, condotta da Giuseppe Cruciani.

“L’ho fatto 350 volte, quasi ogni giorno”, la rivelazione dell’ex onorevole ai microfoni della popolare trasmissione radiofonica di Radio 24. Secondo il critico d’arte, intervenuto a commentare l’incontro erotico tra un onorevole della Lega e una deputata pentastellata, non sarebbe una novità nei bagni di Montecitorio.

Nonostante il Parlamento sia antierotico secondo Sgarbi, chi ricopre un ruolo può avere a disposizione molti spazi nel palazzo, alcuni dei quali abbastanza isolati e lontano da occhi indiscreti. Lo stesso critico racconta che, nella sua esperienza di Presidente della Commissione Cultura, aveva a disposizione delle stanze dove poter fare quello che voleva.

L’ex onorevole, intervistato da Giuseppe Cruciani, ha anche rimproverato i due amanti, poiché avrebbero utilizzato un bagno abbastanza frequentato, ovvero quello della Commissione Giustizia. “Bastava andare al terzo piano dove non c’è mai nessuno, li ha traditi la poca esperienza”, le parole del navigato Sgarbi, che ha raccontato anche di casupole del quinto piano, dove lui stesso avrebbe consumato diversi rapporti sessuali. Secondo il critico al quinto piano si potrebbe anche rimanere a dormire, senza essere visti e cercati da nessuno.

Dopo le rivelazioni sui posti di Montecitorio, dove Sgarbi avrebbe consumato dei rapporti sessuali, Giuseppe Cruciani ha voluto anche indagare sulle partner dell’ex onorevole. “Ho ospitato Demetra Hampton, Eva Grimaldi e Milly D’Abbraccio” , i nomi fatti da Sgarbi, che non ha precisato con chi delle tre avrebbe avuto degli incontri intimi in Parlamento. Alla lista delle sue probabili amanti si aggiungerebbero anche due deputate, delle quali non ha voluto fare il nome, precisando solo che una delle due è molto importante.

Secondo Vittorio Sgarbi, non solo nelle stanze di Montecitorio si sarebbero consumato incontri intimi, ma anche al Parlamento Europeo. Durante i suoi due anni da eurodeputato, avrebbe individuato diversi uffici isolati, dove si poteva rimanere anche a dormire senza essere scoperti. “Se tu puoi dormire al Parlamento Europeo, che fai dormi da solo?” , l’illazione di Sgarbi che non lascia spazio all’immaginazione.

Rivelato il suo passato hot nelle stanze di Montecitorio, Sgarbi, solleticato da Cruciani, ha rivelato che oggi la sua parlamentare preferita è l’onorevole Maria Elena Boschi, deputata del PD, che però non crede lo seguirebbe in un bagno della Camera dei Deputati. Seconda scelta, Alessia Morani, che sarebbe poi la deputata che ha scoperto l’incontro tra i due onorevoli appartati. Infine, una rivelazione: “ho fatto sesso al quinto piano con una celeberrima attrice 65enne”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Costantino Ferrulli

Costantino Ferrulli - Ho ascoltato l'intervista dell'ex onorevole Vittorio Sgarbi, sui suoi presunti incontri hot nelle stanze della Camera dei Deputati e personalmente, conoscendo il personaggio, ritengo abbia un po' calcato la mano. Vedremo nei prossimi giorni come reagiranno le persone chiamate in causa, se vorranno smentire o ci lasceranno con il dubbio.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!