Iscriviti

Caso Chanel Totti, parla Selvaggia Lucarelli e svela un retroscena: "Allora nessuno fiatò"

Selvaggia Lucarelli ha detto la sua sulla controversa questione riguardante la figlia di Francesco Totti e Ilary Blasi, apparsa sulla copertina di "Gente" con il lato b in bella mostra: ecco le parole della blogger.

Gossip
Pubblicato il 25 agosto 2020, alle ore 11:35

Mi piace
6
0
Caso Chanel Totti, parla Selvaggia Lucarelli e svela un retroscena: "Allora nessuno fiatò"

Selvaggia Lucarelli ha commentato il fatto che sta tenendo banco sul web – e non solo –  in questi giorni, stiamo parlando della copertina sulla rivista “Gente” con la foto di Chanel Totti e del suo lato b in bella mostra. Questo particolare ha fatto storcere il naso non solo a Francesco Totti e Ilary Blasi, ma anche sui social è esplosa la polemica.

E quando si parla di polemiche e polveroni mediatici, una voce si alza nel coro, quella di Selvaggia Lucarelli che, con la sua solita precisione chirurgica, riesce sempre a portare alla luce nuove dinamiche e retroscena nascosti che danno una nuova chiave di lettura. In questo caso, la Lucarelli ha ricordato un episodio analogo accaduto ad Aurora Ramazzotti, la figlia di Eros e Michelle Hunziker.

Selvaggia Lucarelli commenta il caso di Chanel Totti

Correva l’estate 2011 e sul sito online del settimanale “Oggi” è comparsa una foto che ritraeva Aurora – allora 15enne – in spiaggia con la mamma Michelle mentre passeggiavano sulla battigia. Lo scatto le riprendeva di schiena e titolava: “Stessa spiaggia, stesso mare e…stesso bikini”. Anche in quel caso, la figlia di Eros – così come Chanel – mostrava il lato b, ma all’epoca non sollevò tutto questo clamore. 

Proprio per questa ragione, su Twitter, la Lucarelli pone una domanda: “Forse se sei figlia di Francesco Totti c’è una sensibilità in più. Chissà” e continua precisando: “Estate 2011, Aurora Ramazzotti aveva 15 anni. Nessuno fiatò. E la lista sarebbe lunga“. Viene da pensare che, in quasi un decennio, la sensibilità verso certe immagini sia cambiata, e che tenga in considerazione anche le continue campagne contro la violenza sulle donne e lo svilimento – in molti casi – della loro immagine.

In queste ore anche Monica Mosca, direttrice del settimanale “Gente“, ha chiesto scusa per la pubblicazione della foto, precisando di essere sempre molto attenta a non urtare la sensibilità dei suoi lettori e soprattutto di non mercificare mai l’immagine della donna. Il presidente dell’Ordine dei Giornalisti, Carlo Verna, però ha deciso di procedere chiedendo un provvedimento disciplinare: “per aver pubblicato in copertina del settimanale la foto della figlia minorenne di due personaggi noti del mondo dello sport e dello spettacolo focalizzando l’attenzione sull’aspetto fisico”, come si legge sul sito ufficiale dell’ODG, nella nota resa pubblica il 24 agosto.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Cristina Giuli

Cristina Giuli - Sicuramente sarebbe stato opportuno usare molta più sensibilità e non pubblicare lo scatto in copertina. 13 anni sono davvero pochi e andrebbero tutelate queste bimbe, altrimenti tutte le lotte contro la mercificazione del corpo femminile si vanno a fare benedire e si ritorna indietro di un secolo. L'unica cosa è che questo dovrebbe valere per tutte, non solo per alcune.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!