Iscriviti

Tekken Mobile: il celebre picchiaduro Namco è in arrivo su Android e iOS

Occorrerà attendere ancora un paio di settimane per poter giocare alla versione definitiva di Tekken Mobile, la versione per smartphone del celebre picchiaduro Namco nato per coin-up, PC, e consolle: intanto, è disponibile e giocabile la beta per Android.

Games
Pubblicato il 1 febbraio 2018, alle ore 19:02

Mi piace
9
0
Tekken Mobile: il celebre picchiaduro Namco è in arrivo su Android e iOS

Bandai Namco, nota gaming house nipponica, ha comunicato il timing secondo cui verrà rilasciata la versione definitiva (dopo le pre-registrazioni partite ad Agosto), per device Android e iOS, del picchiaduro “Tekken Mobile”, versione per smartphone touch dell’omonimo videogame che tanto successo ha ottenuto nei coin-up, sui PC, e nelle consolle. 

In particolare, il developer giapponese ha spiegato che, il 1° Febbraio, il gioco verrà rilasciato in Asia, Africa, Medio Oriente, ed America Latina, mentre in Nord America e Giappone arriverà molto più tardi, il 1° Marzo. L’Europa, una volta tanto, sta nel mezzo: il 15 Febbraio, infatti, Tekken Mobile apparirà negli app store di altri paesi (tra cui anche USA, Russia, e Singapore), toccando l’Europa Occidentale (Spagna, Francia, Belgio, UK, Germania, Austria, Svizzera) e, quindi, anche l’Italia.

Nel frattempo, per ingannare l’attesa, oltre a provarne la simpatica parodia, su Steam, “Chikken“, è possibile scaricare – su ApkMirror – la beta della versione per Android, già discretamente funzionante e completa. 

All’inizio del gioco, occorrerà scegliere un personaggio, tra quelli noti (il nuovo combattende Rodeo arriverà, gratis, il primo del mese prossimo), e se ne potrà arricchire lo stile di combattimento attraverso varie categorie: in ciascuna di esse sono elencate alcune mosse speciali, che potranno essere raccolte in un particolare “Deck”, per essere giocate al momento opportuno.

I controlli del gioco sono semplici, e appaiono basati sui tap dello schermo (a sinistra per parare, a destra per attaccare, pressione prolungata per caricare la potenza): le difficoltà consistono nel centrare il momento giusto per sfoggiare una mossa speciale, estraendola dal deck, e dal “delay” della medesima, che richiede di attendere poco prima di eseguire determinate mosse rapide, ottime per i combo, ma di dover attendere davvero molto prima di eseguire altri colpi, ben più potenti e letali

Le modalità di gioco sono varie e prevedono il noto sistema “Storia“, che garantisce l’evoluzione del personaggio”, il multiplayer online – per sfidare combattenti da tutto il mondo tramite i “Dojo” – e quello locale, per confrontarsi con i propri amici vicini, ciascuno munito di un proprio smartphone.

Non mancheranno neppure gli eventi speciali, a tempo. Il gioco sarà gratuito, ma con acquisti in-app che, ad esempio, tra le varie cose, permetteranno anche di acquistare dei medkit con cui ripristinare il proprio stato di salute che, come nella miglior tradizione dei vecchi picchiaduro, si assottiglierà combattimento dopo combattimento. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Sono proprio curioso di vedere che ne sarà di Tekken Mobile. Personalmente, purtroppo, sono rimasto deluso dalla versione per smartphone di diversi miti intrattenitivi degli anno '80/90: non sono impazzito né per i Cavalieri dello Zodiaco, né per Holly e Benji (ops, Capitan Tsubasa). Anche in Tekken Mobile ho visto questa tendenza a strutturare il gioco come fosse una storia a bivi, con mosse che - innescate o meno al momento opportuno - possono condizionare il combattimento, portandolo - se va bene - nella direzione voluta. Ovviamente, era impensabile creare qualcosa che potesse competere con la versione per consolle: sarebbe stato difficile visto il necessario ricorso al touch che poco si sposa con l'uso frenetico dei combo, e controproducente, per le vendite delle più remunerative versioni tradizionali di Tekken.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!