Iscriviti

Analogue Pocket: in arrivo la retroconsolle per Game Boy che fa anche da workstation audio

Con l'arrivo del nuovo anno, il panorama delle retroconsolle sarà più ricco che mai, con la poliedrica Analogue Pocket, in dirittura d'arrivo con un hardware che le permetterà di supportare i giochi di varie consolle celebri del passato, tra cui il Game Boy.

Games
Pubblicato il 17 ottobre 2019, alle ore 11:30

Mi piace
5
0
Analogue Pocket: in arrivo la retroconsolle per Game Boy che fa anche da workstation audio

In attesa che sia Nintendo stessa a pensarci (con una Classic Edition), magari dopo aver raccolto i frutti della NES e della SNES mini, è stata l’americana Analogue, specializzata in hardware per il (retro) gaming, a realizzare il sogno proibito dei gamers non più giovanissimi, con una poliedrica consolle mobile, la Analogue Pocket, nata per rinverdire i fasti del Game Boy. 

La parte alta della mini consolle tascabile Analogue Pocket ingloba un display LTPS da 3.5 pollici, con 615 PPI di densità cromatica e una risoluzione 10 volte superiore (1.600 x 1.440 pixel) a quanto sfoggiato – all’epoca – dall’originale Game Boy. Presente il pad direzionale, i pulsanti d’azione sono stati raddoppiati a 4, mentre i canonici Home, Select, e Home, sono stati sloggiati in basso: il tutto risulta riprogrammabile a piacimento. 

La scelta di integrare nell’Analogue Pocket un processore programmabile FPGA consente di giocare ai titoli dei Game Boy originali (Color e Advance inclusi, con un port di “The Legend of Zelda: Four Swords Adventure” già in realizzazione) simulando l’hardware specifico di quelle consolle, senza bisogno della consueta emulazione software, aprendo la strada – dietro l’uso di appositi adattatori – all’impiego anche di giochi provenienti da altre consolle, tra cui la Atari Lynx, la Neo Geo Pocket Colour di SNK, ed il Game Gear di SEGA. 

Oltre all’essere una consolle portable, munita di una batteria agli ioni di litio caricabile via Type-C, Analogue Pocket sarà anche un ibrido, in stile Nintendo Switch, in grado di connettersi alle TV (moderne via HDMI, a tubo catodico via adattatori “Analogue DAC”), grazie ad un’apposita dockstation, dotata di due porte USB per i controller cablati e di supporto per quelli Bluetooth (es. di 8BitDo). 

Decisamente poliedrica, la retroconsolle Analogue Pocket sarà anche un dispositivo per l’intrattenimento musicale, come confermato dallo slot per introdurre le microSD, dal jack da 3.5 mm per le cuffie, e dalla presenza di speaker stereo: in più, essendo preinstallato il software Nanoloop, l’utente potrà anche creare della musica propria. 

Secondo quanto comunicato, Analogue metterà in commercio la retroconsolle ibrida portable Analogue Pocket nel 2020, prezzandola a 199.99 dollari: ancora non sono noti, tuttavia, maggiori dettagli sui titoli dei giochi, né sul listino degli adattatori o della dockstation. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Di retroconsolle ve ne sono, ormai, sempre di più: quelle portable sono ancora poche e, tra i modelli già in commercio, uno dei più imitati è quello che ritrae le fattezze dell'iconico Game Boy. A riesumarlo dalle nebbie del passato di prova Analogue che, a livello hardware, sembra in grado di supportare i giochi anche di altre consolle: l'idea che il Pocket sia collegabile anche alla TV, e che faccia da piattaforma per l'ascolto e la produzione di musica, sono dei plus assolutamente da non sottovalutare.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!