Iscriviti

Zambia: attaccata da un coccodrillo mentre nuota nel fiume, gli amici la salvano

Un pomeriggio di divertimento si è trasformato in una quasi tragedia per una giovane 18enne che, in gita con gli amici, è stata aggredita da un coccodrillo. L'intervento degli amici è stato fatale e ora sta bene.

Esteri
Pubblicato il 3 dicembre 2021, alle ore 10:31

Mi piace
2
0
Zambia: attaccata da un coccodrillo mentre nuota nel fiume, gli amici la salvano

A volte, un pomeriggio di divertimento e di goliardia con gli amici rischia di trasformarsi in una tragedia. Durante una giornata in cui si divertiva con gli amici, una ragazza è stata attaccata da un coccodrillo mentre nuotava nel fiume. Fortunatamente, l’intervento degli amici ha evitato il peggio salvandola e riuscendo a farcela. Qui raccontiamo la sua storia e quei momenti terribili di paura e sconcerto che ha vissuto la giovane che  è stata salvata in tempo. 

Amelie Osborn Smith è una ragazza di 18 anni di origini inglesi che ha visto la morte in faccia. È proprio il caso di dirlo, dal momento che, questa giovane, mentre era in gita con gli amici, è stata attaccata da un coccodrillo. Era con gli amici presso le Cascate Vittoria in Zambia quando, nel mentre  che stava nuotando, il coccodrillo, della lunghezza di 3 metri, l’ha aggredita alla gamba

Stava facendo rafting con l’amica, quando a un certo punto ha sentito le fauci dell’animale che l’ha afferrato la gamba strappandole la pelle. Le sue urla di disperazione e dolore sono state avvertite da un altro amico che si è gettato immediatamente sull’animale prendendolo a pugni in modo da allontanarlo e rischiando la sua stessa vita. 

Una vicenda che è stata raccontata da The Sun, le cui urla sono state anche avvertite da altre persone, tra cui escursionisti e guide che si sono trovate di fronte a uno spettacolo di sangue. Il coccodrillo si è arreso e la giovane è riuscita a salvarsi. In seguito, è stata portata immediatamente in ospedale dove le è stata medicata la gamba lacerata

Si è sottoposta a vari interventi chirurgici e ora le sue condizioni sono stabili. Secondo le guide, la giovane non è stata avventata o sprovveduta dal momento che risulta molto raro trovare dei coccodrilli in queste zone, considerando che spesso il loro habitat è al di sopra delle cascate. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Simona Bernini

Simona Bernini - Una storia che, per la giovane 18enne, è finita nel modo migliore grazie al pronto intervento dell'amico che si è gettato sull'animale prendendolo a pugni in modo da lasciarla andare. Grande coraggio dimostrato dall'amico che avrebbe anche potuto avere cara la pelle. Credo che la giovane non si avventurerà più in quella zona per la sua incolumità.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!