Iscriviti

Xu e Zhang: storia di un’amicizia speciale

Un dodicenne cinese, dal cuore grande e dalle braccia forti, da sei anni porta sulle spalle il suo compagno disabile. Un buon esempio che apre il cuore.

Esteri
Pubblicato il 3 aprile 2019, alle ore 06:48

Mi piace
16
0
Xu e Zhang: storia di un’amicizia speciale

Sulle spalle il suo coetaneo più sfortunato da ben sei anni. E’ questa la storia di un dodicenne cinese, Xu, che non si è tirato indietro davanti alle difficoltà del suo compagno disabile, Zhang, che soffre di una grave e rara malattia autoimmune che causa debolezza muscolare. Si tratta della miastenia che tocca muscoli, cervello e midollo spinale.

Tutte le mattine camminano insieme per pochi metri verso la scuola ma poi l’amico non ce la fa, inizia a zoppicare e allora l’altro se lo carica in groppa.

L’amicizia speciale

Tutti i giorni, da sei anni, Xu, di appena 40 kg, porta sulle spalle il suo amico Zhang, di circa 25 kg, su per i gradini della scuola, quando serve lo accompagna in bagno, lo aiuta a mangiare, gli riempie la bottiglietta d’acqua. Finite le lezioni, poi, lo riaccompagna a casa.

La loro storia è finita su un quotidiano cinese e ha fatto il giro di tutto il mondo portando i due inseparabili amici al centro dei riflettori. Xu ha genuinamente risposto al clamore dicendo Aiutarsi è normale dimostrando così che per lui non è di certo un peso. L’amico Zhang risponde con profonda gratitudine dicendo che senza il sostegno dell’amico sarebbe stato davvero complesso frequentare la scuola.

Il loro legame si è instaurato fin dal primo giorno di scuola tanto che per Xu è diventato normale prendersi cura di Zhang e addirittura scherza autodefinendosi bastone da passeggio“. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Maria Guerricchio

Maria Guerricchio - La storia di questi due studenti è davvero toccante e commovente e non mi sorprende che il web abbia dimostrato tanto interesse visto che nella società odierna sono rari questi atteggiamenti disinteressati. Storie come questa non possono che riaccendere la fiducia nel genere umano che può imparare da questa bella amicizia.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!