Iscriviti

Vende la figlia neonata per comprare un iphone ed una moto

In Cina un padre ha creduto che fosse normale poter vendere la propria figlia neonata come se nulla fosse ed andarsene in giro a spendere i soldi della vendita per comprare un telefonino ed una moto. Le parole di entrambi i genitori sono scioccanti.

Esteri
Pubblicato il 10 marzo 2016, alle ore 13:01

Mi piace
0
0
Vende la figlia neonata per comprare un iphone ed una moto

Crediamo di vivere in un mondo che rispetta la vita e dove i più deboli vengono protetti e rispettati. Peccato che poi siamo costretti a svegliarci da questi sogni utopici ed a fare i conti con la realtà nel peggior modo possibile. Infatti, una coppia cinese – residente nella provincia di Fujian – quando si è accorta di aspettare un figlio; i due hanno subito iniziato a pensare a cosa fare una volta che il figlio fosse nato ma, a differenza delle persone normali, i due pensavano a come poter guadagnare dalla nascita del neonato.

E’ proprio così, e i due – utilizzando dei siti internet specializzati in questo genere di cose che ricordiamo sono illegali e perseguibili penalmente in quasi tutto il mondo – sono riusciti a vendere la figlia appena nata per la cifra di 23 mila Yuan, che si aggira intorno ai 3mila euro.

Bene, a questo punto molti penserebbero che lo hanno fatto perché non sarebbero riusciti a crescere la piccola o perché vessassero in gravi difficoltà economiche e quello poteva sembrare loro un modo per andare avanti; invece, il padre della piccola – una volta ricevuti i soldi della vendita – ha ben pensato di andare a comprare un nuovo iPhone di ultima generazione ed un nuova motocicletta.

Ecco allora che svanisce il pensiero della difficoltà finanziaria per far posto allo sdegno ed alla rabbia. Dato che la pratica di vendere i bambini come se fossero oggetti è illegale anche in Cina, i due sono stati raggiunti dalle forze di Polizia e dai media locali. Questi ultimi sono riusciti ad intervistare la madre della piccola che, come il padre della neonata, ha soltanto 19 anni, e lei ha risposto alle domande dei giornalisti dicendo che nella sua regione questa cosa è del tutto normale e non pensavano fosse illegale, anche perché lei stessa era stata adottata.

La bambina è stata affidata ai servizi sociali ed i genitori denunciati entrambi. Questa storia evidenzia una sfaccettatura della nostra comunità, ormai divenuta globale, che da troppo tempo va avanti e che fa leva sulle fragili menti di padri e madri troppo giovani per riuscire a capire e distinguere il bene dal male, sempre più accecati dal mito del denaro, che arrivano addirittura a vendere i propri figli per poter avere l’ultimo gingillo elettronico o l’ultima moto.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Gaetano De Paola

Gaetano De Paola - E' ormai da molto che ho perso la fiducia nelle persone, specialmente in questo tipo di persone. Come si può soltanto pensare di vendere e lucrare sul proprio figlio appena nato? Secondo me non ha affatto senso. Avrei potuto capire se i soldi della vendita servivano per delle urgenze e fossero importanti, ma i due ragazzi hanno dimostrato tutta la loro stupidità. Spero che vadano in carcere e che le autorità riescano a trovare una casa alla piccola neonata che ha soltanto la colpa di avere due inutili genitori che non meritano la gioia di un figlio.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!