Iscriviti

Usa, Jeff Bezos dona 33 milioni di dollari ai Dreamers

L'anti-Trump patron di Amazon e del Washington Post elargisce borse di studio per i giovani immigrati figli di genitori privi di documenti e che sono in Usa sin da quando erano bambini.

Esteri
Pubblicato il 13 gennaio 2018, alle ore 20:41

Mi piace
5
3
Usa, Jeff Bezos dona 33 milioni di dollari ai Dreamers

Il patron di Amazon e proprietario del Washington Post, Jeff Bezos, conosciuto oltre che per la sua ricchezza anche per la sua umanitò, dona 33 milioni di dollari a un fondo che si occupa di elargire borse di studio ai giovani immigrati giunti negli Stati Uniti da bambini e figli di genitori sprivvisti di documenti, i Dreamers.

Un atto controcorrente rispetto a ciò che sta accadendo con la politica negli Sates, dove Trump ha creato tensione sul fronte dell’immigrazione, sia per le parole dure usate sull’argomento sia per le trattative che sono in corso in Congresso per sciogliere il nodo del Daca, il Deferred Action for Childhood Arrivals, ovvero proprio il piano riguardante le tutele verso i Dreamers.

La settimana scorsa un magistrato, William Alsup, di San Francisco, ha accolto la richiesta di bloccare la decisione del governo Trump di far cessare il programma volto a tutelare i circa 800 mila “Dreamers”, programma istituito dall’ex presidente Barack Obama. Il 5 marzo il Daca rischia di essere chiuso per sempre, ma il blocco accolto dal magistrato darà una tregua,almeno fino a quando le numerose cause avviate non saranno risolte.

La decisione del magistrato è stata definita da Trump oltraggiosa, ma a favore di essa sono ivece oltre 100 imprenditori americani appartenenti ad aziente di grosso calibro, tra cui Facebook, Apple, Amazon, Gm, Google, Intel, Uber.

Queste aziende hanno firmato una petizione per chiedere al Congresso di non permettere la chiusura del Daca e di votare anzi una legge per salvare il programma. Le parole di chi ha firmato la petizione sono state le seguenti:”l’imminente fine del programma Daca crea la minaccia di una crisi della mano d’opera in tutto il Paese”.

Inoltre, secondo una ricerca pare che mandare via i giovani tutelati invece dal programma verrebbe a costare all’economia statunitense una cifra colossale, pari a 215 miliardi di dollari. Alcuni esponenti del Congresso avevano annunciato un accordo per risolvere il problemi, smentito però dalla portavoce della Casa Bianca Sarah Sanders. Ma forse ancora qualcosa si può fare.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Giacoma Chimenti

Giacoma Chimenti - Ammirevole è il gesto di Jeff Bezos, in un mondo in cui gli svantaggiati sono sempre costretti a subire. Ma come può Trump pensare di mandare via gli 800mila giovani immigrati cresciuti negli States? Speriamo che trovino un accordo che riesca a placare la tensione scatenata anche da alcune osservazioni poco dignitose.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!