Iscriviti

USA: chiamati per gli schiamazzi notturni, gli agenti si fermano a videogiocare

È accaduto lo scorso weekend nel Minnesota. I vicini si sarebbero lamentati per gli eccessivi schiamazzi di un gruppo di ragazzi e gli agenti di polizia, invece di sanzionarli, avrebbero finito per giocare a Super Smash Bros. Ultimate.

Esteri
Pubblicato il 15 dicembre 2018, alle ore 12:17

Mi piace
3
0
USA: chiamati per gli schiamazzi notturni, gli agenti si fermano a videogiocare

Super Smash Bros. Ultimate è, tra tutti i titoli Nintendo, uno dei più attesi dell’anno. Sebbene le varie edizioni uscite non cambino molto l’una dall’altra, ciascuna uscita è anticipata da un hype spesso esagerato e difficile da contenere. In questo senso, la maggiore testimonianza di tale fenomeno sono gli utenti di Internet che, spesso e volentieri, si sfogano nei commenti dichiarando letteralmente il proprio amore per il titolo di Nintendo.

Non di rado, però, questo amore per un determinato videogioco è talmente grande che, in determinate situazioni, è difficile contenersi. Nel corso dello scorso weekend, sarebbe accaduto un episodio curioso ad un gruppo di ragazzi che, di certo, verrà ricordato nella storia di Super Smash Bros. Ultimate. Ecco tutti i dettagli.

In una notte dello scorso weekend, nel Minnesota, un gruppo di ragazzi avrebbe iniziato una lunga sessione di Super Smash Bros. Ultimate, uscito pochi giorni prima in tutto il mondo. I ragazzi non sarebbero riusciti a contenere la gioia per il nuovo titolo di Nintendo, facendo schiamazzi e disturbando l’intero vicinato. Il livello del disturbo sarebbe stato così tanto elevato da costringere i vicini a chiamare la polizia, al fine di ristabilire una condizione di quiete.

In poco tempo, alcuni agenti sono arrivati sul posto e, dopo aver appurato la situazione, sono stati invitati a fare una partita al famoso titolo picchiaduro di Nintendo. Contro ogni possibile previsione, i poliziotti hanno accettato l’offerta ed hanno iniziato una serie di partite senza alcuna sosta. Per comprendere meglio l’effettiva voglia di svago degli agenti, basti pensare che hanno chiesto dettagliatamente tutti i comandi necessari per giocare correttamente.

Ovviamente, nessuno è stato sanzionato dalle forze di polizia, le quali si sono regalate un bel momento. Le istantanee di quella notte sono state raccolte in diverse foto e video che, in poco tempo, hanno fatto il giro del mondo.  

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabio Attardo

Fabio Attardo - L'episodio accaduto lo scorso weekend fa di certo colpo. Ovviamente, quello che salta di più all'occhio è il fattore umano che viene, a volte (e quando opportuno), prima del proprio dovere. Episodi di questo genere, secondo me, è bene che accadano più spesso, soprattutto per convincere la collettività della genuinità della stragrande maggioranza dei titoli videoludici in circolazione.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!