Iscriviti

USA, bimbo di 8 mesi sparato e ucciso dal fratellino di 3 anni: in casa 4 adulti

Una tragedia immane quella avvenuta ieri sera in Texas dove un bimbo di soli 8 mesi è stato sparato ed ucciso dal fratellino di 3 anni. In casa, al momento dell'omicidio, erano preseti 4 adulti.

Esteri
Pubblicato il 10 aprile 2021, alle ore 16:05

Mi piace
0
0
USA, bimbo di 8 mesi sparato e ucciso dal fratellino di 3 anni: in casa 4 adulti

Ci sono storie che non si vorrebbero mai raccontare, come quella avvenuta ieri 9 aprile, in un appartamento di Houston, in Texas. Qui un bimbo di soli 8 mesi è stato sparato dal fratellino di 3 anni. Centrato in pieno all’addome, il piccolo non ce l’ha fatta.

La tragedia si è consumata mentre in casa c’erano 4 adulti e nessuno di loro avrebbe chiamato i servizi di emergenza. Ma è doveroso ricostruire le dinamiche in cui è accaduta l’uccisione del piccolo. 

L’accaduto

La povera vittima, gravemente ferita, è stata accompagnata in un ospedale locale ma, a causa della profondità del colpo inflittogli, i medici non sono, purtroppo, riusciti a salvargli la vita ed il piccolo, come confermato dal capo del dipartimento di polizia di Houston, Bainbridge, è spirato nel nosococomio, poco dopo il suo arrivo.

La pistola, quella da cui è partito il colpo che si è rivelato fatale, è stata rinvenuta nel veicolo che i membri della famiglia della giovanissima vittima hanno utilizzato per trasportarla in ospedale. In un filmato mandato in onda dall’emittente KPRC-TV si vede una donna che piange nei pressi della nastro della scena del crimine nel complesso di appartamenti di Waterford Grove nel blocco 3100 di Crestdale Drive vicino a Kempwood. Il video mostra anche il fratello maggiore della vittima con indosso il suo costume da Spider Man mentre è seduto fuori con un adulto.

L’incidente è avvenuto in una camera da letto al secondo piano di un complesso di appartamenti. Baimbrigde ha supplicato i genitori e i tutori di non rendere mai accessibili ai minori le armi da fuoco, chiudendole a chiave per renderle sicure. Intanto gli investigatori e i pubblici ministeri stanno ancora determinando se presentare eventuali accuse. 

In materia di armi, a causa della loro pericolosità, sappiamo quanto complessa sia la normativa che legittima il loro possesso e la loro custodia. Per evitare un banale impossessamento di un’arma da parte di una persona non addestrata nel maneggio dell’arma stessa e, a maggior ragione, per evitare che si verifichino incidenti domestici come questo, che ha provocato la morte di un bimbo di soli 8 mesi, occorebbe una forte dose di buon senso oltre al rispetto rigoroso delle normative in vigore.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - Incidenti come questo sono indescrivibili e perfettamente evitabili, ne sono certa, con un'ipervigilanza da parte degli adulti sui figli e con normative ancora più severe sul possesso e custodia delle armi all'interno di un'abitazione. Purtroppo nessuno potrà far tornare in vita quella piccola vittima e spero, di cuore, che la giustizia accerti la responsabilità di tutti coloro presenti al momento della sparatoria.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!