Iscriviti

UK: uccise il vicino pedofilo che aveva violentato i suoi figli, oggi racconta la sua storia

Nel 2014 Sarah Sands uccise il vicino Michael Pleasted, che aveva violentato tre dei suoi figli. Il pedofilo, già condannato, aveva cambiato il suo nome per celare i suoi crimini. Oggi, dopo 4 anni di prigione, la donna e i figli raccontano la loro storia.

Esteri
Pubblicato il 24 novembre 2022, alle ore 12:38

Mi piace
0
0
UK: uccise il vicino pedofilo che aveva violentato i suoi figli, oggi racconta la sua storia

Ascolta questo articolo

Una madre single di 5 figli che ha pugnalato a morte il suo vicino pedofilo, dopo aver scoperto che aveva abusato di tre dei suoi figli, racconta oggi la sua storia affinché non possano più ripetersi i fatti che hanno portato alla violenza sui suoi bambini. Sarah Sands uccise nel 2014 il vicino 77enne Michael Pleasted.

Parlando in un nuovo straordinario documentario della BBC, intitolato “Ho ucciso lo stupratore dei miei figli“, la donna ed i figli si sono aperti sulla vicenda per la prima volta, ora che tutti hanno compiuto 18 anni ed hanno rinunciato al loro diritto all’anonimato a vita per sostenere la madre. La donna è uscita di prigione dopo aver scontato quattro anni dei 7 anni e mezzo ai quali fu condannata nel 2015 per omicidio colposo.

Bradley ed i gemelli Alfie e Reece, che all’epoca dei fatti avevano 12 e 11 anni, avevano confessato alla madre che il vicino li aveva molestati dopo che era emerso che aveva già fatto lo stesso su altri bambini del palazzo. I fatti avvennero presso un condominio vicino nella zona est di Londra, dove Sarah pensava che Pleasted fosse un vicino amichevole, ed aveva addirittura cucinato per lui prima della confessione dei bambini.

Non sapevano che l’uomo fosse in realtà Robin Moult, pedofilo già condannato 24 volte nel corso di tre decenni di abusi su minori. Una scappatoia legale consente infatti agli autori di reati sessuali registrati di cambiare il proprio nome. Lo stratagemma può aiutare le persone a ottenere non solo una nuova patente di guida e passaporto, ma anche una nuova fedina penale pulita. La signora Sands sta ora facendo una campagna per un inasprimento delle regole, affinché i condannati per reati sessuali non possano cambiare i loro nomi per celare i loro crimini.

Nel documentario, la signora Sands ha ricordato il giorno in cui è andata a confrontare Pleasted dopo aver bevuto due bottiglie di vino, sperando di spaventarlo e fargli confessare i suoi crimini per evitare che i figli dovessero testimoniare in tribunale.  “Non sapevo cosa stavo facendo. Ero spaventata, lui non mostrava paura e non provava alcun rimorso. Mi disse sorridendo che i miei bambini stavano mentendo e ha cercato di afferrare il mio coltello“. La donna ha colpito il pedofilo 8 volte, ma racconta che non aveva mai avuto intenzione di ucciderlo.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Anna Santini

Anna Santini - Nessuna pietà per i pedofili, chi tocca i bambini deve marcire in galera per il resto della vita. Il fatto che quest'uomo avesse ben 24 condanne alle spalle e fosse ancora libero di violentare altri bambini è indecente, ci sarebbe da condannare anche chi ha consentito che succedesse. Scandaloso che questa donna abbia dovuto trascorrere 4 anni in carcere.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.