Iscriviti

UK, poliziotto si scatta selfie con i cadaveri sulle scene del crimine: condannato

Dopo 6 anni, la verità è venuta a galla, portando all'arresto di un poliziotto del Regno Unito che si scattava selfie con persone in ospedale dopo aggressioni o atti di autolesionismo ma, ancora peggio, con vittime di reati.

Esteri
Pubblicato il 30 dicembre 2021, alle ore 13:21

Mi piace
0
0
UK, poliziotto si scatta selfie con i cadaveri sulle scene del crimine: condannato

Una storia davvero macabra quella che arriva dal Regno Unito dove, per anni, un poliziotto ha continuato a farsi selfie sulle scene del delitto sulle quali era chiamato a intervenire e a scattare foto a fermati e vittime, inoltrando i terribili scatti, tramite WhatsApp, ai suoi amici. 

Per questi fatti, che sono andati avanti per almeno 6 anni,l’uomo è stato condannato da un tribunale del Merseyside e ha perso il lavoro. Come racconta il Guardian, tra gli episodi contestati anche il selfie col cadavere di un adolescente, che era stato appena accoltellato a morte, mentre l’agente doveva occuparsi di proteggerlo da scatti di passanti e giornalisti. 

L’accaduto 

 Le indagini interne avevano accertato una lunga serie di infrazioni disciplinari commesse dal poliziotto almeno negli ultimi 6 anni di servizio, tutte riconducibili ai gruppi WhatsApp di cui faceva parte e dove condivideva immagini in cui prendeva di mira non solo donne, omosessuali e minoranze, ma anche disabili.

L’agente Ryan Connolly della polizia del Merseyside aveva anche l’abitudine di inviare immagini prese durante il servizio con commenti razzisti, omofobi e offensivi delle persone ritratte, immagini di persone sottoposte a trattamento sanitario obbligatorio, foto di persone in ospedale dopo aggressioni o atti di autolesionismo, tra cui uno che si che si era tagliato i polsi. 

L’agente, che si era dimesso a novembre prima della sentenza definiva, è stato dichiarato colpevole di cattiva condotta grave da un tribunale di disciplina. Le forze di polizia del Merseyside hanno affermato che le azioni di Connolly hanno minato la fiducia dei cittadini nella polizia e sono state un “insulto” alla maggior parte degli agenti che prestano servizio con onore. Per l’uomo divieto a vita di riprendere il servizio come agente. Il suo caso ha riaperto una ferita nella polizia britannica, dopo lo scandalo provocato da due agenti della polizia metropolitana che avevano scattato e condiviso foto di due sorelle uccise. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - Non c'è mai limite all'orrore e alla crudeltà umana e questo agente di polizia ne è un esempio, con i reati commessi. Mi auguro che per lui si aprano per sempre le porte del carcere. Massima vicinanza ai familiari delle vittime che hanno dovuto subite il dolore della perdita e il dolore arrecato da quest'uomo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!