Iscriviti

Uccide il compagno di stanza malato di Covid con una bombola di ossigeno: "Pregava troppo"

L' assurdo episodio si è verificato in California nella giornata del 17 dicembre scorso. L' assassino è stato arrestato con le accuse di omicidio e abusi sugli anziani. Il 28 dicembre avrà inizio il processo.

Esteri
Pubblicato il 24 dicembre 2020, alle ore 16:24

Mi piace
1
0
Uccide il compagno di stanza malato di Covid con una bombola di ossigeno: "Pregava troppo"

Un omicidio si è verificato presso l’Antelope Valley Hospital di Lancaster, in California, dove un 37enne ha ucciso il suo compagno di stanza malato di Covid-19. La vittima è un 82enne. Il delitto sarebbe avvenuto per un motivo molto banale, in quanto, a detta dell’omicida, l’anziano pregava troppo in quanto temeva di morire a causa del coronavirus Sars-CoV-2. Il più giovane però non sopportava le continue litanie dell’82enne, per cui, all’improvviso, ha dato adito ai suoi piani e compiuto l’insano gesto. Ha preso quindi una bombola di ossigeno e l’ha scagliata in testa al malcapitato. 

Di quanto stava avvenendo si sono accorti subito gli infermieri, che sono intervenuti cercando di calmare il 37enne, che era in preda ad una furia ceca. Immediatamente il paziente colpito con la bombola è stato curato dai sanitari, che hanno tentato in ogni modo di salvargli la vita. Purtroppo l’anziano è spirato poco dopo a causa delle gravi ferite riportate durante la colluttazione. Sul posto è intervenuta la polizia californiana che ha effettuato tutti i rilievi del caso. 

Movente da accertare

Come già detto in apertura, il motivo del delitto sarebbe riconducibile alle numerose preghiere che faceva ogni giorno la vittima. Il movente comunque sarà accertato in un processo penale a carico del 37enne che comincerà il 28 dicembre prossimo. Al momento l’autore del crimine è stato arrestato con le accuse di omicidio e abusi verso gli anziani. Per motivi di privacy le generalità della vittima non sono state rese note, questo anche per tutelare i suoi famigliari. L’anziano aveva contratto il Covid-19 diverso tempo fa e si trovava in ospedale perché aveva bisogno di cure maggiori.

Tra l’altro il delitto avviene in un momento abbastanza delicato per gli ospedali californiani, in quanto lo stato federale in questione risulta uno dei più colpiti da questa seconda ondata pandemica. Il numero di ricoveri in California a causa del coronavirus è aumentato del 21% rispetto alla scorsa settimana, per questo la guardia resta davvero molto alta. Anche lì sono in vigore numerose restrizioni per cercare di contenere il contagio.

Basti pensare che solo la contea di Los Angeles, nella quale si trova appunto Lancaster, è la zona in cui si contano la maggior parte dei contagi dello stato. Sul delitto dell’82enne ucciso con una bombola d’ossigeno in ospedale si riusciranno a conoscere ulteriori particolari sicuramente nelle prossime settimane, non appena avrà inizio il processo a carico del responsabile. Le indagini comunque continuano a tutto spiano. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Federico Sanapo

Federico Sanapo - Un gesto davvero assurdo compiuto da questo 37enne, che ha ucciso un povero anziano che non voleva far altro che guarire dal Covid. Sicuramente su ciò si esprimeranno le autorità nei prossimi giorni, ma è davvero brutto sentire queste notizie in un momento drammatico come quello che l'umanità intera sta vivendo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!