Iscriviti

Texas, morta bambina di 2 anni: violentata, picchiata, e uccisa dalla madre e dal suo compagno

A 2 anni è stata stuprata, picchiata, immersa nell'acqua e successivamente asciugata con aria calda che le ha provocato ustioni sul corpo. Il terribile omicidio è stato commesso dalla madre e dal suo compagno.

Esteri
Pubblicato il 5 novembre 2018, alle ore 13:02

Mi piace
5
0
Texas, morta bambina di 2 anni: violentata, picchiata, e uccisa dalla madre e dal suo compagno

Un omicidio senza precedenti quello avvenuto in Texas e che vede la morte di una bambina di soli 2 anni. I suoi assassini hanno il volto della madre 21enne e del suo compagno di 32 anni. La morte di Hazana Anderson è stata tra le più agghiaccianti avvenute a College Station. Il corpo della vittima è stato scoperto solo in un secondo momento, quando la coppia ha denunciato la scomparsa della bambina per nascondere la loro colpevolezza.

La serie di torture inflitte ad Hazana è stata davvero atroce. A raccontarle è la stessa donna, Tiaundra Christon, che ha lasciato tutte le colpe in mano al compagno. Secondo quanto confessato dalla madre, infatti, sarebbe stato proprio Kenny Hewett a picchiarla per primo, per poi ordinare anche a lei di farlo.

Violentata, picchiata e gettata nell’acqua

La polizia ha avuto quasi difficoltà nell’ascoltare tutto ciò che era successo alla piccola Hazana, nonostante il corpo avesse già rivelato alcune agghiaccianti torture. Da quanto raccontato dalla 21enne, la coppia si era allontanata da casa per comprare alcune cose. Al loro ritorno la bambina stava piangendo, probabilmente proprio per essersi ritrovata da sola nell’abitazione. Un pianto, quello di Hazana, che ha fatto uscire fuori di testa il compagno 32enne. Da qui ha inizio la serie di violenze.

La bambina di 2 anni è stata prima violentata e poi picchiata con una cinghia. L’uomo avrebbe poi ordinato alla madre di picchiarla a sua volta. Tiaundra ha raccontato che dopo la serie di torture, la figlia iniziava a perdere frequentemente i sensi, per questo l’hanno immersa in acqua ghiacciata. Dopo essersi accorti della temperatura troppo bassa di Hazana, hanno iniziato a riscaldarla con l’asciugacapelli, provocandole solo delle ustioni sul corpo.

Hazana ha perso la vita, e dopo essere stata tenuta nella macchina della madre per tre giorni, è stata successivamente portata in un canale di scolo. Solo dopo qualche giorno, la coppia ha denunciato la scomparsa della figlia, per poter così depistare gli inquirenti. Non ci sono però volute troppe ore per comprendere com’erano andati davvero i fatti, e arrestare così la coppia di assassini.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marta Lorenzon

Marta Lorenzon - Il solo pensiero di quello che la piccola ha dovuto subire è straziante ed agghiacciante. La madre ha lasciato l'intera colpa al compagno, come se l'idea di fare del male a qualcuno fosse peggiore della mano che la compie o della bocca che non ferma e non denuncia quanto sta accadendo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!