Iscriviti

Terrorista kamikaze piange prima di suicidarsi: il video divide il web

Jafar al-Tayyar, terrorista appartenente al Fronte al-Nusra affiliato ad Al-Qaeda, è stato ripreso dai suoi stessi compagni nei suoi ultimi istanti di vita prima del "martirio": il giovane scoppia in lacrime, mentre gli ricordano: "Fallo per Allah"

Esteri
Pubblicato il 25 settembre 2015, alle ore 15:21

Mi piace
0
0
Terrorista kamikaze piange prima di suicidarsi: il video divide il web

Sono stati filmati gli ultimi istanti di vita di Jafar al-Tayyar, giovane terrorista affiliato ad Al-Qaeda morto nel corso di un attacco suicida portato a termine in Siria. Registi del video sono stati i suoi stessi compagni di al-Nusra, impegnati a confortarlo nel suo ultimo viaggio verso la morte, mentre il ragazzo si preparava al suicidio a bordo del mezzo carico di esplosivo.

Ma chi si aspettava un miliziano fiero e convinto rimarrà deluso: il giovane fondamentalista islamico appare infatti terribilmente spaventato, al punto da scoppiare in lacrime una volta all’interno di quel veicolo corazzato che sarebbe ben presto diventato la sua tomba. Non è ancora chiaro quando l’attentato sia stato effettuato, ma il video è stato diffuso due giorni fa dalle testate occidentali, ed un drone degli Alleati è riuscito a riprendere l’esplosione dall’alto, confermando la buona riuscita dell’attacco.

Jafar al-Tayyar, foreign fighter originario dell’Uzbekistan, si è fatto esplodere nella città sciita di Fua, localizzata all’interno della provincia di Idlib, considerata una delle più grandi roccaforti del regime di Assad. Il video è stato proposto da vari quotidiani internazionali, tra i quali il britannico Daily Mirror.

La scena appare straziante, e l’intero girato, montato come una sorta di documentario con tanto di musica di sottofondo e narratore, si interrompe per un istante con l’allontanarsi del terrorista, per poi riprendere mostrando il risultato della sua azione: verso la fine del filmato si può infatti notare l’esplosione prodotta dall’attacco kamikaze di Jafar, sebbene non siano ancora state fornite stime ufficiali sul numero di morti che l’attentato ha provocato.

Prima della partenza, mentre il giovane si stava preparando a morire tra le lacrime, si può udire uno dei suoi compagni cercare di confortarlo con le seguenti parole: “Jafar, fratello mio, non avere paura. Quando il timore ti assale, ricordati di Allah”.

Stando alla voce del narratore fuori campo, Jafar al-Tayyar sarebbe il primo kamikaze volontario proveniente da “Mawarannahr“, un’area dell’Asia Centrale che si estende dall’Uzbekistan al Kazakistan. Secondo informazioni riportate dall’emittente radiofonica Radio Liberty, il terrorista apparteneva infatti al Fronte al-Nusra, nato tra il 2011 ed il 2012 ed attualmente affiliato ai ben più noti “cugini” di Al-Qaeda.

Cosa ne pensa l’autore
Filippo Di Stefano

Filippo Di Stefano - Mi tornano in mente le parole di Gaber, quando affermava in rima che "...anche l'avventuriero più spinto, muore, dove gli può capiare; e neanche tanto convinto". In fin dei conti, per quanto indottrinati, stupidi, ottusi, sanguinari, fondamentalisti e quant'altro, anche i terroristi sono esseri umani. E c'è da dire che quelli di al-Nusra ed Al-Qaeda, per quanto incredibilmente violenti, non sono altrettanto allucinati quanto quelli dell'Isis. L'Isis è un'organizzazione che incarna perfettamente l'ideale di una religione essenzialmente totalitarista (come tutte le monoteiste d'altronde, senza star tanto a girarci intorno, e per quanto gli innumerevoli Concili e conclavi abbiano cercato di modernizzarle nel corso della Storia) asservito alla politica, ed al culto del massacro e del terrore. I vertici dell'Isis sono lucidamente truculenti, sono molto simili ai nazisti sotto questo aspetto. Ma a differenza di questi ultimi, per la maggior parte sono mossi da incrollabile fervore religioso, il che forse è persino peggio. Quelli di al-Nusra ed Al-Qaeda sono un poco più umani, più inclini alla partigianeria, per così dire. Certo, sempre di terroristi si tratta. E non credo piangerò mai la morte d'alcuno di loro. Tuttavia le sfumature sono differenti, e vanno al di là di queste lacrime.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!