Iscriviti

Taiwan – Uomo multato di 3500 $ per aver violato le regole della quarantena per soli 8 secondi

Taiwan - L'uomo che ha infranto le regole imposte dal governo locale per la quarantena, anche solo per 8 secondi, si è trovato con una multa molto salata, equivalente a 3500 $ americani.

Esteri
Pubblicato il 8 dicembre 2020, alle ore 12:33

Mi piace
2
0
Taiwan – Uomo multato di 3500 $ per aver violato le regole della quarantena per soli 8 secondi

Tutto è accaduto nella metropoli di Taiwan – dove l’operaio – un lavoratore immigrato dalle isole Filippine, è stato messo in quarantena forzata in un noto hotel del quartiere di Kaohsiung. Il fatto è stato chiaramente registrato dalle telecamere di video-sorveglianza dell’hotel stesso. L’operaio infatti, è stato avvistato mentre usciva dalla sua suite nel corridoio dell’hotel per un brevissimo periodo, soltanto otto secondi precisi.

Immediatamente, il personale dell’hotel di Kaohsiung lo ha segnalato presso il severo Dipartimento della Salute della città di Taiwan, che gli ha inflitto una multa salatissima di 100000 $ a Taiwan, l’equivalente di 3.500 dollari americani. Tutta la città di Taiwan parla a gran voce del fatto accaduto presso l’hotel riservato ai malati di Covid-2019 e della grande cifra inflitta per un così breve lasso di tempo all’operaio filippino.

La città di Taiwan infatti, è uno dei paesi esemplari per la gestione della prima ondata dell’epidemia di Sars-Cov, ha regole di quarantena molto severe e rigide. Le persone che sono state poste in quarantena dal Dipartimento della Salute non possono lasciare le loro camere in alcun modo, nemmeno per un solo attimo. A Kaohsiung ci sono in totale cinquantasei alberghi di quarantena, con una capacità di oltre tremila suites disponibili.

Inoltre, il governo di Taipei ha anche utilizzato molti dollari in test di massivi e in un monitoraggio molto attento ed efficace dei contatti che possono avvenire tra le persone. Invece Taiwan, non ha in alcun modo voluto prendere severe misure di blocco o limitare le libertà civili come in Cina continentale. Le autorità sanitarie di Taiwan invece, prestano molta attenzione alla velocità di reazione ed ai sospetti contatti tra i cittadini della metropoli.

L’isola di ventritre milioni di persone ha finora solo 716 casi di coronavirus e sette morti, secondo i dati forniti dalla Johns Hopkins University. Risulta quindi essere la metropoli maggiormente sicura per quanto riguarda i contagi dal virus Sars-Cov. Taiwan infatti viene presa come esempio da moltissime altre città sparse per il mondo intero.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Carlo Crescenzi

Carlo Crescenzi - Inizialmente si può anche pensare che tutto ciò sia esagerato, ma si deve considerare che attenendosi a queste regole hanno salvato molte vite. A differenza di molti altri paesi in cui dandoci via libera in molti casi, ha solo fatto in modo di aumentare i casi e molto probabilmente ci libereremo di questo virus molto in ritardo rispetto a loro!

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!