Iscriviti

Sudafrica, bracconiere in fuga dai ranger muore schiacciato da un branco di elefanti

Lo scorso weekend un bracconiere, a caccia di rinoceronti, è rimasto calpestato a morte da un branco di elefanti, mentre tentava di fuggire dalle guardie del parco nazionale Kruger, in Sudafrica.

Esteri
Pubblicato il 20 aprile 2021, alle ore 12:30

Mi piace
3
0
Sudafrica, bracconiere in fuga dai ranger muore schiacciato da un branco di elefanti

Una notizia successa nel weekend ma trapelata solo oggi…una vicenda che giunge dal parco nazionale Kruger, in Sudafrica. Qui le guardie forestali, nel corso di un controllo di routine, hanno avvistato 3 bracconieri a caccia di rinoceronti.

I tre, nel tentativo di darsi alla fuga, hanno, però, dovuto fare i conti con un branco di elefanti che li avrebbero attaccati. Un pachiderma avrebbe calpestato uno dei fuggitivi, uccidendolo, mentre per gli altri due è andata diversamente. Uno è riuscito a scappare, mentre l’altro è stato arrestato.

Il bracconaggio in Sudafrica

Il Sudafrica ospita l’80% della popolazione mondiale di rinoceronti ed è la meta principale dei bracconieri. Le principali battute di caccia illegali sono compiute proprio nel parco Kruger. I bracconieri, parte di un’organizzazione di traffico internazionale, aprono il fuoco sui rinoceronti per mozzarne il corno, molto richiesto in Asia per la medicina tradizionale e come presunto afrodisiaco.

Inoltre viene erroneamente rivenduto come fonte d’avorio, pur essendo composto, per metà, da cheratina, la stessa sostanza da cui sono formate le nostre unghie. Nonostante il bilancio di rinoceronti barbaramente uccisi nel 2020 sia inferiore di 1/3 rispetto al 2019, con 394 esemplari uccisi, si registrano incursioni ogni giorno e, per far capire come il bracconaggio sia diffuso, viene citato un dato: 40 incursioni in un solo giorno.

Trattandosi di territori molto vasti, poi, è difficile controllare l’intera area per cui si tratta di numeri molto approssimativi che gettano nello sconforto gli animalisti. Secondo quanto detto da Isaac Phaahla, portavoce dei parchi nazionali sudafricani, le guardie hanno rinvenuto un’ascia e un fucile. Negli ultimi trent’anni, riferendoci invece agli elefanti, ogni anno quasi 20.000 vengono uccisi in Africa dai bracconieri, circa 50 esemplari al giorno, uno ogni 30 minuti. A peggiorare la situazione la siccità che, in alcune zone, porta alla morte di queste specie.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - Una notizia forte che ci fa capire quanto il bracconaggio, oltre che spietato per gli animali, metta a rischio tutti coloro che si danno alla caccia clandestina di questi animali, già a forte rischio estinzione a causa, ad esempio, della siccità. Purtroppo la crudeltà umana non conosce limiti e la violenza è all'ordine del giorno.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!